Skip to main content

Development of a novel blood-based diagnostic test for colorectal cancer

Article Category

Article available in the folowing languages:

Un test del sangue per scoprire il cancro colorettale in uno stadio iniziale

Il cancro colorettale (CRC) ha un’incidenza e un tasso di mortalità elevati nei paesi europei. Anche se una scoperta precoce migliora notevolmente la sopravvivenza a 5 anni, essa comporta tecniche di rilevamento altamente invasive che limitano lo screening di grandi popolazioni a rischio.

Salute

Solo il 30-40 % dei casi di CRC viene diagnosticato negli stadi iniziali. I metodi diagnostici attuali includono tecnologie complesse, costose o invasive quali la tomografia, la risonanza magnetica o la colonscopia. Per migliorare lo screening del CRC, il progetto Colodetect, finanziato dall’UE, ha sviluppato un innovativo test che rileva e misura la presenza di autoanticorpi specifici del cancro nel sangue dei pazienti. «L’idea era quella di sviluppare un test per misurare gli anticorpi generati dal sistema immunitario del paziente in risposta al tumore», spiega il dott. Juan Ignacio Imbaud, coordinatore del progetto. Colodetect® fa affidamento sulla tecnologia di immunosaggio ELISA, che facilita la misurazione simultanea di 11 autoanticorpi specifici del cancro da un campione di sangue molto piccolo. I ricercatori hanno dovuto superare diverse sfide tecnologiche associate alla sensibilità e al limite di rilevamento. Hanno trasformato degli immunosaggi ELISA singleplex in un saggio multiplex usando la tecnologia Luminex®. Misurando diversi biomarcatori simultaneamente nello stesso campione, questo è anche più veloce e idoneo per l’automazione rispetto ai saggi singoli. Colodetect® è stato testato e convalidato clinicamente in una coorte grande e variegata di pazienti con CRC in differenti stadi clinici. Un confronto diretto con i dati della colonscopia ha dimostrato una sensibilità dell’81 % e una specificità dell’85 %, superiori rispetto al test diagnostico di ricerca del sangue occulto nelle feci usato solitamente. Ci si aspetta che la convalida in corso del test assicuri Colodetect® come prodotto diagnostico in vitro commerciabile, dal momento che è semplice, non invasivo e offre precisione a un costo ridotto. La natura multicentrica del progetto ha reso possibile la raccolta di oltre 4 000 campioni provenienti da pazienti affetti da CRC, soggetti sani con e senza colonscopia di conferma, e altri campioni di controllo provenienti da pazienti con altri tumori del sistema digerente e non o patologie non cancerose del sistema digerente. Secondo il dott. Imbaud, «questo riflette il risultato positivo del lavoro collettivo di un grande numero di persone provenienti dai diversi ospedali partecipanti, dai pazienti, medici e infermieri al personale della biobanca. La cooperazione di queste persone è stata fondamentale per convalidare il test in un ambiente reale». Prospettive future Dal momento che Colodetect® rileva 11 differenti autoanticorpi, il fondamento logico è quello di combinare le singole letture al fine di fornire al medico un risultato unico sulla probabilità che il paziente sia affetto o meno da CRC. Per questo scopo, i partner stanno ora sviluppando algoritmi matematici e software per integrare l’analisi e l’interpretazione dei dati. Nel complesso, il progetto ha generato un ampio portafoglio di brevetti e marchi registrati nei principali paesi europei, in Australia e in Canada, oltre a domande di brevetto in Giappone e Stati Uniti. Prima della commercializzazione è necessaria l’autorizzazione normativa, dopo la quale è in programma la sua vendita in Spagna verso la metà del 2020. Considerando l’elevata prevalenza del CRC, vi è un pressante bisogno di migliorare lo screening di uomini e donne di età compresa tra 50 e 75 anni che sono a rischio di sviluppare il CRC, al fine di migliorare gli esiti con costi ridotti per la sanità nazionale. Colodetect® è il primo test diagnostico a sfruttare l’innovativa strategia della autoimmunità nella battaglia contro il cancro del colon e del retto. Il dott. Imbaud ritiene che «i risultati del progetto forniscano un promettente metodo alternativo per individuare in modo efficiente il CRC negli stadi iniziali della malattia, con notevoli benefici in termini di opzioni di diagnosi e trattamento».

Parole chiave

Colodetect, cancro colorettale (CRC), sangue, autoanticorpi, ELISA, tumore, tecnologia Luminex®

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione