CORDIS
Risultati della ricerca dell’UE

CORDIS

Italiano IT

PODIUM™ - A home device and cloud-based software and algorithm for diabetic foot ulcer monitoring

Informazioni relative al progetto

ID dell’accordo di sovvenzione: 834049

Stato

Progetto concluso

  • Data di avvio

    1 Gennaio 2019

  • Data di completamento

    30 Giugno 2019

Finanziato da:

H2020-EU.3.

H2020-EU.2.3.

H2020-EU.2.1.

  • Bilancio complessivo:

    € 71 429

  • Contributo UE

    € 50 000

Coordinato da:

THERMETRIX LTD.

Italiano IT

Un dispositivo domestico per il monitoraggio delle ulcere del piede diabetico

In Europa 60 milioni di adulti soffrono di diabete. Se non trattate, complicanze associate al diabete quali le ulcere del piede diabetico (UPD) possono portare all’amputazione, sottolineando la necessità di nuovi strumenti per una diagnosi tempestiva.

Società
Salute
© Thermetrix Ltd.

I pazienti diabetici soffrono spesso di neuropatia, che causa la perdita di sensibilità dei piedi. In combinazione con lo scarso afflusso di sangue e con la compromissione del sistema immunitario, questo problema può comportare lo sviluppo di UPD. Evidenze sempre più numerose indicano che il rischio di sviluppare UPD nel corso della vita è pari al 12-25 %, ma è possibile prevenire questa complicanza mediante uno screening tempestivo delle reazioni infiammatorie a livello del piede.

Un dispositivo che misura la temperatura del piede come segno di infiammazione

In questo contesto, nell’ambito del progetto PODIUM finanziato dall’UE è stato sviluppato un dispositivo in grado di rilevare l’eccesso di calore che il corpo umano genera durante una risposta infiammatoria. Spesso questa risposta ha inizio prima che il danno tissutale diventi irreversibile. «Il nostro obiettivo era quello di rilevare l’infiammazione del piede con largo anticipo, prima dello sviluppo di ulcere», spiega il dott. Peter Plassmann, coordinatore del progetto. Ricerche cliniche precedenti eseguite dall’azienda Thermetrix Ltd avevano dimostrato la fattibilità dell’uso di una fotocamera termica (a infrarossi) per ottenere pattern di temperatura e associarli ai problemi soggiacenti. In combinazione con il lavoro di altri gruppi, queste informazioni hanno portato alla progettazione del dispositivo PODIUM. Il dispositivo utilizza una lastra a cristalli liquidi termocromici, simile a quelle adoperate nelle strisce termometriche frontali che cambiano colore con la temperatura. Le persone collocano i piedi sul dispositivo e la lastra mostra la mappa delle temperature dei piedi in una gamma di colori. Una fotocamera localizzata nel dispositivo registra queste mappe cromatiche, mentre il software integrato le analizza per rilevare segni di problemi, come un’asimmetria tra il piede destro e quello sinistro, punti con temperature molto elevate o variazioni repentine rispetto a un’immagine precedente. Durante il progetto, i partner hanno testato le prestazioni tecniche del dispositivo PODIUM in termini di accuratezza e precisione. Nel complesso, sono state osservate caratteristiche superiori rispetto a quelle di fotocamere a infrarossi moderatamente costose che offrono un’accuratezza di soli +/- 2 gradi Celsius. I partner stanno attualmente procedendo alla presentazione di una richiesta per una sovvenzione EIC Accelerator per migliorare ulteriormente queste prestazioni.

Prospettive future

Secondo il dott. Plassmann, «il progetto ha compiuto progressi più rapidi del previsto e i risultati ottenuti potrebbero essere utilizzati per produrre in tempi brevi un dispositivo già commercializzabile». Il primo dispositivo PODIUM è registrato come dispositivo medico di classe I e attraverso una rapida rappresentazione grafica della temperatura offre una sensibilità e un’affidabilità 10 volte superiori a quelle di qualsiasi soluzione della concorrenza. Un altro aspetto importante è che offre ai pazienti diabetici la possibilità di eseguire misurazioni giornaliere comodamente a casa propria. La funzionalità di telemedicina incorporata nel dispositivo permette al medico di ricevere le informazioni e prendere decisioni basate sulle evidenze. Per gli operatori sanitari come i podologi, il dispositivo PODIUM include uno strumento importante per il monitoraggio della salute dei loro pazienti, con conseguente miglioramento della qualità dell’assistenza sanitaria e della qualità di vita. Considerando che oltre nove milioni di europei sono a rischio di sviluppare UPD nel corso della vita e che la vasta maggioranza dei soggetti amputati muore entro cinque anni, si prevede che il dispositivo PODIUM avrà un notevole impatto socioeconomico. Thermetrix Ltd ha in programma di distribuire il dispositivo prima in cliniche di podologia private. Sempreché siano disponibili finanziamenti aggiuntivi, l’azienda proseguirà poi con altri fornitori di assistenza sanitaria istituzionali. «L’implementazione del dispositivo in appena il 5 % dei pazienti diabetici che sono a rischio di sviluppare UPD permetterà una riduzione significativa delle amputazioni degli arti inferiori e dei costi sanitari ad esse associati», conclude il dott. Plassmann.

Parole chiave

PODIUM, dispositivo, ulcere del piede diabetico (UPD), temperatura, diabete, infiammazione, amputazione, podologia, telemedicina

Informazioni relative al progetto

ID dell’accordo di sovvenzione: 834049

Stato

Progetto concluso

  • Data di avvio

    1 Gennaio 2019

  • Data di completamento

    30 Giugno 2019

Finanziato da:

H2020-EU.3.

H2020-EU.2.3.

H2020-EU.2.1.

  • Bilancio complessivo:

    € 71 429

  • Contributo UE

    € 50 000

Coordinato da:

THERMETRIX LTD.