Skip to main content

Safe handling of renewable fuels and fuel mixtures

Article Category

Article available in the folowing languages:

La sicurezza viene prima di tutto. Per quanto puliti, i combustibili rinnovabili restano pur sempre dei combustibili

Lo sviluppo di nuovi sistemi per la produzione di energia richiede l'adozione di misure di sicurezza per quanto riguarda lo stoccaggio, la manipolazione e l'alimentazione dei combustibili rinnovabili. Questo progetto si propone di affrontare tali esigenze raccogliendo informazioni su dodici campioni di combustibile, al fine di consentire una valutazione dei rischi di esplosione e di incendio.

Cambiamento climatico e Ambiente

Questo progetto di ricerca ha per obiettivo generale l'analisi delle proprietà di vari tipi di combustibili tradizionali e rinnovabili al fine di raccogliere informazioni sulla loro sicurezza. I dati relativi al comportamento dei combustibili durante lo stoccaggio, la manipolazione e l'alimentazione rivestono un'importanza fondamentale per le centrali elettriche tradizionali, ma anche per lo sviluppo di nuovi sistemi di produzione energetica a pressurizzazione come la tecnologia del ciclo combinato e gassificazione (IGCC) e la combustione a letto fluido sotto pressione (PFBC). Nel 1996 e 1997, VTT-Finlandia, LOM-Spagna, INERIS-Francia, TNO-Paesi Bassi e DMT-Germania hanno condotto uno studio sulla combustione spontanea e sulla volatilità di dodici campioni di combustibili, che ha fornito informazioni su quattro biomasse di origine boschiva, quattro biomasse erbacee, due tipi di lignite a basso tenore e due miscele di biomassa/lignite. I combustibili sono stati oggetto di diversi test elaborati per simulare le condizioni a cui vengono sottoposti durante il loro normale impiego. I test hanno permesso di identificare le caratteristiche del comportamento dei carburanti sulle superfici calde e sotto forma di nubi polverose. Ulteriori test sono stati condotti sull'esplosione di polvere, simulando le condizioni di essiccamento e di manipolazione sotto pressione dei biocombustibili, nonché test sui gas inerti al fine di determinare le condizioni che ne impediscono l'esplosione e test di soppressione in condizioni particolari. %Accanto a questi dati il progetto ha permesso di ottenere informazioni per il miglioramento dei metodi e delle procedure di determinazione delle proprietà relative alla combustione spontanea e degli indici dell'esplosione della polvere. INERIS ha costruito un nuovo impianto di pressurizzazione per effettuare test sulla combustione spontanea, particolarmente interessante per i fabbricanti di caldaie e i produttori di sistemi per la manipolazione di combustibili e di apparecchiature di sicurezza, oltre naturalmente ai consulenti energetici, alle aziende di pubblica utilità e agli enti che si occupano della regolamentazione, legislazione e normalizzazione dei test in materia di sicurezza.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione