Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Energia pulita dal carbone

In molti paesi del mondo occidentale, i combustibili fossili, come il carbone e la lignite, costituiscono la principale fonte di produzione di elettricità. Rispetto ad altre fonti energetiche, le riserve di carbone sembrano essere più abbondanti. Tuttavia, a causa delle elevate emissioni di sostanze tossiche, e in particolare di zolfo, questo combustibile fossile contribuisce considerevolmente all'inquinamento ambientale. Un consorzio internazionale ha impiegato una nuova tecnologia per la rimozione delle sostanze indesiderate dal carbone, al fine di produrre energia più ecologica.

Energia

Uno degli obiettivi prioritari dell'economia internazionale è tutelare le risorse energetiche. Lo sviluppo industriale presente e futuro impone alla gestione dei materiali per l'approvvigionamento energetico un approccio più articolato. Le opzioni sono limitate: il petrolio e il gas naturale sono costosi e in costante esaurimento; l'energia nucleare genera rifiuti tossici di difficile e pericoloso smaltimento e l'applicazione su scala industriale delle fonti energetiche alternative, come l'energia solare o eolica, è complicata e costosa. Nel corso degli ultimi decenni, i combustibili fossili sono stati ampiamente utilizzati per la produzione di elettricità. Rispetto ad altre fonti energetiche, le riserve di carbone sono più abbondanti e meno costose da sfruttare. Tuttavia, il loro impiego comporta gravi danni ambientali, a causa delle sostanze contaminanti emesse, come lo zolfo, il mercurio, il cloro, la cui rimozione è già stata imposta dalle normative ambientali e industriali. La nuova tecnologia di desorbimento termico mediante riciclaggio, riduzione e riutilizzo si avvale di una tecnica fortemente innovativa, che permette la lavorazione del contenuto di zolfo grezzo e altamente organico presente nel carbone, al fine di offrire una soluzione preventiva per la produzione di energia ecologica. Il sistema si compone di un reattore ad anello chiuso a ciclo operativo continuo in grado di rimuovere efficacemente più del 95 per cento dello zolfo organico dal carbone, prima della combustione. Il materiale viene quindi carbonizzato per mezzo di riscaldamento indiretto, in un ambiente totalmente chiuso, ridotto e sotto vuoto. Lo zolfo viene recuperato separatamente. Rispetto ad altri metodi impiegati, il pretrattamento del carbone riduce le emissioni contaminanti, rendendo possibile la generazione a lungo termine di energia pulita e conforme alle normative in materia. I ridotti costi di investimento e manutenzione e le migliori caratteristiche di combustione, rendono questa tecnologia una soluzione di pulitura del carbone estremamente vantaggiosa dal punto di vista economico. Il carbone così ottenuto potrà essere arricchito con rifiuti combustibili puliti, al fine di creare un'altra opzione energetica. È inoltre possibile utilizzare altri prodotti finiti e puliti come il gesso. Si tratta di un sistema modulare, facile da applicare, in quanto non necessita di sofisticati materiali o complementi tecnici, e in grado di garantire tassi di produttività annuali estremamente elevati (fino a 650.000 tonnellate all'anno). Quest'avanzata tecnologia costituisce una tecnica sicura, notevolmente migliorata ed efficace di pulitura del carbone per la produzione di energia più ecologica. Progettata in conformità con tutti gli attuali requisiti tecnici imposti dagli standard industriali e dalle normative ambientali, questa tecnica dispone delle potenzialità per soddisfare le aspettative future della nostra società ecologica internazionale.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione