Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

La vaccinazione contro lo streptococco neonatale

L'idea di immunizzare le donne per fornire anticorpi protettivi ai loro bambini sta acquistando consenso nella lotta contro numerose malattie. L'obiettivo dell'iniziativa DEVANI era utilizzare questo approccio per le vaccinazioni contro lo streptococco di gruppo B (GBS) per favorire la protezione nei neonati.

Salute

Il GBS è una delle principali cause di infezione e meningite neonatali, che colpiscono un neonato ogni mille. Sempre più evidenza mostra una correlazione tra i livelli materni di anticorpi contro i polisaccaridi capsulari (CPS) del GBS e il ridotto rischio di malattia nei neonati. Ciò ha aperto nuove strade di prevenzione attraverso la vaccinazione materna. L'obiettivo del progetto DEVANI, finanziato dall'UE, era progettare strategie di immunizzazione che trasferissero risposte immunitarie forti, durature e protettive contro il GBS attraverso la placenta. A tal fine si sono studiati a fondo parametri dei vaccini quali la formulazione ottimizzata di CPS, le proteine ricombinanti e gli adiuvanti, oltre al piano di immunizzazione. Per iniziare i ricercatori hanno seguito oltre 25 000 gravidanze in 8 paesi europei, e individuato 155 casi di infezioni da GBS. Sono stati isolati diversi sierotipi batterici di GBS infettivo, e le loro caratteristiche sono state confrontate per controllare ceppi isolati da donne che avevano partorito bambini sani. Si sono utilizzati saggi di immunoassorbimento enzimatico (ELISA) per monitorare il siero materno dai casi e dai controlli, e si sono trovati significativi livelli di anticorpi contro i sierotipi Ia e III di GBS. Sebbene si siano trovati anche anticorpi contro gli antigeni dei pili, essi non avevano un effetto protettivo nei neonati. Per lo sviluppo dei vaccini i ricercatori hanno utilizzato un modello murino per testare l'immunizzazione materna e il trasferimento immunitario ai neonati contro il GBS virulento. Coniugati di CPS e antigeni delle proteine sono stati testati in varie combinazioni in presenza o assenza di adiuvanti differenti. Anche l'efficacia di queste formulazioni di vaccini è stata sperimentata in un modello di infezione intravaginale da GBS di topo femmina gravida, infettata uno o tre giorni prima del parto. Lo studio DEVANI ha dato un importante contributo verso lo sviluppo di un vaccino anti-GBS, identificando proteine antigene e relativi sierotipi GBS in Europa. L'implementazione globale della strategia di immunizzazione materna DEVANI favorirà la protezione dei neonati contro il GBS.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione