Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

CORDIS Express: Il valore della natura

Questa edizione di CORDIS Express presenta i progetti di ricerca finanziati dall’UE che si occupano del valore degli ecosistemi e delle politiche e le iniziative necessarie per proteggerli.

Dipendiamo dalla natura in molti modi, anche se non sempre questi sono evidenti o apprezzati. Benché riconosciamo l’importanza dei benefici diretti come l’acqua dolce, il cibo e il carburante, possono passare inosservati i servizi meno visibili – ma comunque vitali – come la gestione dei rifiuti e il controllo dei parassiti. Almeno finché non vengono in qualche modo a mancare. La perdita di biodiversità può avere impatti diretti sulla salute umana e sulla società, arrivando persino a compromettere i mezzi di sostentamento e spingere alla migrazione. Gli indicatori della valutazione dell’ambiente in Europa fatta dall’Agenzia europea dell’ambiente di quest’anno sul fronte della biodiversità sono preoccupanti: il 60 % delle valutazioni sulle specie protette e il 77 % delle valutazioni sull’habitat hanno registrato uno stato di conservazione negativo. L’Europa è in ritardo sulla tabella di marcia per raggiungere l’obiettivo per il 2020 di fermare la perdita di biodiversità e si prevede che i cambiamenti climatici futuri intensificheranno le pressioni e gli impatti. Alcuni dicono che, per proteggere gli ecosistemi, abbiamo bisogno di mettere un valore formale ai servizi che forniscono. Lo studio sull’economia degli ecosistemi e della biodiversità – TEEB, un’iniziativa globale il cui obiettivo è “rendere visibile il valore della natura”, è una delle forze alla base di questo approccio. Il suo obiettivo principale è far entrare i valori della biodiversità e dei servizi degli ecosistemi nel processo decisionale a tutti i livelli. Altre voci, tuttavia, sostengono che il valore intrinseco della natura dovrebbe essere rispettato e che i tentativi di tradurre i suoi servizi in cifre sono avventati. Diversi progetti finanziati dall’UE stanno partecipando a questo dibattito, valutando i molti benefici per la salute e il benessere forniti dagli ecosistemi, esaminando diversi modi di determinare il valore dei servizi dell’ecosistema e le iniziative e le politiche necessarie, in tutti i settori, per assicurare che gli ecosistemi siano protetti e che la perdita di biodiversità sia fermata. Questa edizione di CORDIS Express presenta alcuni di questi progetti e le notizie a loro dedicate. - Positive health effects of the natural outdoor environment in typical populations in different regions in Europe (solo in inglese) - BIOMOT analizza cosa spinge le persone ad agire a favore della natura - BESAFE studia l’efficacia delle argomentazioni a favore della biodiversità per migliorare la creazione delle politiche - Messa in pratica dei concetti di servizi agli ecosistemi e capitale naturale - Il reale valore degli ecosistemi - Tendenze scientifiche: Le strade alberate migliorano la nostra salute

Paesi

Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Cechia, Germania, Danimarca, Estonia, Grecia, Spagna, Finlandia, Francia, Croazia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Lettonia, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Svezia, Slovenia, Slovacchia, Regno Unito

Articoli correlati