Skip to main content

Narrating the Past in the Hindu Himalayas: On Social Memory in South Asian Oral Traditions

Article Category

Article available in the folowing languages:

Il popolo Khas e la storia orale

Un team dell’UE ha analizzato le percezioni del tempo tra le comunità degli altopiani dell’India. Il popolo Khas mantiene un’accurata storia orale che contrasta con la comprensione occidentale della percezione induista del tempo ciclico.

Società

La minoranza etnica dei Khas, di una parte dell’India settentrionale chiamata Himachal Pradesh, era quasi del tutto analfabeta fino all’ultimo periodo del ventesimo secolo. Il popolo Khas fa quindi affidamento solo su tradizioni orali e rituali per preservare la storia culturale. Il progetto NPHH (Narrating the past in the Hindu Himalayas: On social memory in south Asian oral traditions), finanziato dall’UE, ha studiato le tradizioni dei Khas. I ricercatori hanno combinato il lavoro etnografico sul campo, che includeva storie locali e tradizioni ausiliarie, con la ricerca testuale. Il team si è procurato testi della Compagnia Britannica delle Indie Orientali e del governo anglo-indiano dopo il 1858. I ricercatori hanno documentato la rilevanza della memoria sociale nel caso dei Khas, che è una variante unica della più ampia cultura induista. Essi hanno confrontato i resoconti orali di eventi storici con la corrispondenza negli archivi e le storie locali. Il team ha dunque identificato dei cambiamenti nel modo in cui le società himalayane rappresentano il passato e il suo significato nel presente. Le interpretazioni delle varie società erano notevolmente differenti. Gli eventi storici descritti dagli osservatori britannici contrastavano con le descrizioni locali degli stessi eventi, a indicare delle visioni differenti della causalità storica. Questa divergenza ha portato a delle interpretazioni nettamente contrastanti della storia. Le credenze dei Khas contribuiscono alle differenze. I ricercatori sono giunti alla conclusione che le pratiche dei Khas contraddicono le teorie occidentali secondo cui le culture induiste mancano di coscienza storica a causa del loro concetto di tempo ciclico. Attraverso l’esame delle epiche orali, i ricercatori hanno scoperto che vari gruppi degli altopiani hanno delle visioni molto chiare, ma differenti, dei loro rispettivi passati. NPHH ha scoperto che la base leggendaria delle attuali credenze e racconti storici dei Khas rivela che le comunità separate sono state successivamente assimilate nella cultura induista convenzionale. La società dei Khas è molto consapevole del proprio passato, che riemerge di continuo come un riferimento per affrontare gli eventi del presente. Il team ha partecipato a un congresso nel 2014, che ha aiutato a creare una nuova rete collaborativa. Ulteriori sessioni del congresso nel 2015 hanno aiutato nella disseminazione delle scoperte, come ha fatto anche il completamento di vari manoscritti. Gli articoli (in pubblicazione nel 2018) descrivono l’evoluzione di una nuova identità regionale tra i gruppi elitari della regione himalayana occidentale durante il primo periodo coloniale in India. I ricercatori hanno inoltre collaborato con un autore di documentari alla produzione di due documentari. Il lavoro fa luce sulle differenti percezioni del tempo.

Parole chiave

Khas, storia orale, induista, NPHH, Himalaya, memoria sociale

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione