Skip to main content

Article Category

Results Pack

Article available in the folowing languages:

Biodiversità e servizi ecosistemici: proteggere le risorse ecologiche del pianeta

L’Europa gode di una ricca varietà di flora e fauna, con molte specie uniche. Questa ricchezza naturale ci fornisce aria e acqua pulita, terreni produttivi nonché energia e risorse naturali per lo sviluppo economico e sociale. Tali ecosistemi sani aiutano a mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici, sostenendo al tempo stesso un’economia verde, creando opportunità di lavoro e valorizzando la biodiversità.

Cambiamento climatico e Ambiente
Alimenti e Risorse naturali

Molte specie animali e vegetali sono seriamente minacciate dall’espansione urbana, dall’agricoltura intensiva, dall’inquinamento, dalle specie invasive e dai cambiamenti climatici derivanti dalle attività umane. L’Unione internazionale per la conservazione della natura stima che fino al 25 % delle specie animali europee siano oggi a rischio di estinzione.

Considerare le cose in prospettiva

La piattaforma intergovernativa delle Nazioni Unite sui servizi per la biodiversità e l’ecosistema (IPBES) ha elaborato una valutazione globale dello stato della natura, degli ecosistemi e dei contributi della natura alle persone, che dimostra la tendenza globale del declino della biodiversità e ne identifica le cause. La ricerca europea contribuisce alle valutazioni IPBES con conoscenze e competenze. La strategia dell’UE per la biodiversità fino al 2020 è volta a fermare la perdita di biodiversità e servizi ecosistemici nell’UE e a ridurre la perdita di biodiversità globale attraverso 6 obiettivi e 20 azioni. Una strategia post-2020 è attualmente in fase di sviluppo. Gli obiettivi implicano un impegno a proteggere le specie e gli habitat, mantenere e ripristinare gli ecosistemi e ottenere un’agricoltura e una silvicoltura più sostenibili. Inoltre, renderanno la pesca più sostenibile e i mari più in salute, combatteranno la diffusione di specie aliene e contribuiranno a prevenire la perdita di piante e animali in tutto il mondo. L’UE e gli Stati membri contribuiscono con risorse finanziarie significative alla conservazione della biodiversità. Nel 2016 la spesa relativa alla biodiversità dell’UE ammontava a circa 13 miliardi di euro, ossia il 9 % del bilancio complessivo. Gli investimenti dell’UE nella ricerca relativa alla biodiversità durante Orizzonte 2020 raggiungono la cifra di 1,7 miliardi di euro.

Riflettori puntati sulla ricerca dell’UE

Questo CORDIS Results Pack concentra l’attenzione su 11 progetti finanziati nell’ambito dei programmi di ricerca 7° PQ e Orizzonte 2020 dell’UE. Tali programmi dimostrano la necessità della ricerca sulla biodiversità e sui servizi ecosistemici per garantire la sostenibilità dell’Europa e la loro rilevanza per gli obiettivi politici globali attuali e futuri. L’iniziativa BiodivERsA3 ha mappato progetti di ricerca sulla biodiversità e finanziamenti in tutta Europa e ha finanziato richieste di ricerca in proprio, rafforzando la cooperazione tra programmi e finanziatori della ricerca, ottenendo una maggiore efficienza delle risorse. Il progetto ESMERALDA ha creato strategie innovative per favorire una mappatura europea, nazionale e regionale per la valutazione efficace degli ecosistemi e dei loro servizi. ECOPOTENTIAL ha sviluppato strumenti per collegare le tecniche di osservazione della Terra con misurazioni sul campo allo scopo di studiare gli ecosistemi e gestire al meglio le aree protette quali i parchi nazionali, i siti patrimonio mondiale dell’UNESCO e di Natura 2000 e gli ecosistemi marini. Dal canto suo, AfricanBioServices ha cercato di collegare la biodiversità e le funzioni e i servizi ecosistemici nella regione del Serengeti-Mara in Africa orientale con i cambiamenti socio-economici e politici. AQUACROSS ha apportato conoscenze avanzate sulla gestione degli ecosistemi per migliorare la resilienza degli ecosistemi acquatici e arrestare la perdita di biodiversità. Le zone umide sono gli ecosistemi con il più alto tasso di perdita in tutto il mondo. Il progetto SWOS ha sviluppato un servizio di monitoraggio e informazione per gli ecosistemi delle zone umide basato sui satelliti Sentinel dell’Agenzia spaziale europea. OPERAS e OPENNESS hanno dimostrato il valore degli ecosistemi sulle persone studiando casi esemplari e istituendo comunità di pratica. Il portale di risorse Oppla contiene tutti gli strumenti e i casi di studio sui servizi ecosistemici e sul capitale naturale sviluppati da entrambi i progetti. INSPIRATION ha sviluppato un’agenda strategica di ricerca relativa alla terra e al suolo, per continuare a fornire servizi ecosistemici essenziali e iniziare a ripristinare la perdita di biodiversità correlata all’uso del suolo. Il progetto The BIG4 ha studiato i quattro maggiori gruppi di insetti, rappresentati da coleotteri, api, mosche e farfalle, e i servizi che potrebbero fornire, combinando genomica, filogenetica, informatica, tassonomia, pubblicazioni di biodiversità semantica e "la scienza dei cittadini". Tutti questi dati sono archiviati in database in tutto il mondo e sono necessari strumenti computazionali per comprendere e prevedere i cambiamenti della biodiversità. GLOBIS-B sta lavorando per stabilire una cooperazione a livello mondiale tra le infrastrutture di ricerca per fornire servizi per la distribuzione dei dati per applicazioni specifiche.