Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Come sfruttare le potenzialità di una rete interconnessa in mare aperto attraverso una regolamentazione armonizzata

Secondo un’iniziativa finanziata dall’UE, la cooperazione e il coordinamento regionali in materia di parchi eolici e di infrastrutture di rete in mare aperto sono fondamentali per il successo della transizione energetica.

Energia

Si prevede che l’espansione dell’energia eolica in mare aperto proseguirà, stimolando gli sforzi per decarbonizzare i sistemi energetici e diventando progressivamente parte integrante della fornitura di energia elettrica. Secondo l’Agenzia internazionale dell’energia (IEA), il mercato mondiale dell’energia eolica offshore è cresciuto di circa il 30 % all’anno tra il 2010 e il 2018. L’IEA prevede che «la capacità eolica globale in mare aperto possa aumentare di 15 volte e attrarre circa un trilione di dollari di investimenti cumulativi entro il 2040», come dichiarato in un comunicato stampa. Secondo l’IEA, «l’Europa ha aperto la strada dell’energia eolica in mare aperto e la regione è pronta a diventare la centrale elettrica del suo sviluppo futuro». Nei suoi risultati principali estratti dall’Offshore Wind Outlook 2019, l’IEA dichiara: «La crescita dell’industria eolica in mare aperto è stata promossa nei paesi europei confinanti con il Mare del Nord, dove risorse eoliche di alta qualità e acque relativamente poco profonde hanno fornito condizioni eccezionalmente buone per sviluppare tecnologie eoliche in mare aperto e portarle sul mercato». Parallelamente a questa crescita, nel Mare del Nord si sta inoltre sviluppando una rete elettrica in mare aperto. Questa rete, che interconnette le reti elettriche nazionali e collega le centrali eoliche in mare aperto alla terraferma, è una delle principali priorità infrastrutturali dell’UE, anche se i progetti integrati e ibridi in mare aperto sono ancora scarsi in Europa. A fronte di questa sfida e nel tentativo di sviluppare reti interconnesse in mare aperto ad alta tensione in corrente continua (HVDC), il progetto PROMOTION, finanziato dall’UE, ha delineato il quadro necessario per tale infrastruttura. I partner del progetto hanno inoltre formulato raccomandazioni a uso dei responsabili politici e di altre parti interessate per facilitare lo sviluppo delle prime risorse ibride, pubblicate nell’ultimo rapporto del progetto di PROMOTION. Il rapporto definisce una risorsa ibrida in mare aperto come «una linea di trasmissione che combina la connessione di parchi eolici offshore con l’interconnessione tra più paesi».

Coordinamento e cooperazione

Il rapporto si concentra sulle questioni legali, economiche, di governance e di finanziamento che devono essere affrontate per il successo di una rete interconnessa in mare aperto (MOG). «Una MOG richiede un sostanziale coordinamento tra le parti interessate per progettare e attuare un solido quadro giuridico e normativo e un sistema di governance, raccogliere fondi sufficienti, nonché costruire e gestire la rete». Secondo il rapporto, è essenziale che i politici europei e nazionali «si impegnino in un coordinamento e in una cooperazione transfrontalieri interdisciplinari al fine di sfruttare appieno i vantaggi di una MOG del Mare del Nord». Per raggiungere questo obiettivo, «è necessario adottare un accordo internazionale di cui siano firmatari gli Stati che partecipano alla MOG e l’UE (in quanto autorità competente per molti temi legati al mercato dell’energia)». I partner di progetto sottolineano che un tale accordo «garantisca la certezza del diritto per gli Stati, i proprietari della rete e le parti collegate alla rete». Come riportato nel comunicato stampa, Ditlev Engel, AD di DNV GL Energy, la società coordinatrice del progetto, afferma: «Lo sviluppo di una rete di trasmissione in mare aperto europea transnazionale affidabile è un fattore chiave per una transizione energetica efficace, economica e tempestiva. Questo progetto ha fornito un ottimo quadro di riferimento con linee guida normative e finanziarie, per consentire ai governi nazionali di accelerare la collaborazione nello sviluppo congiunto di infrastrutture energetiche come le reti di trasmissione in mare aperto». Il progetto PROMOTION (PROMOTioN - Progress on Meshed HVDC Offshore Transmission Networks) si conclude nel dicembre 2019. È stato istituito per sviluppare e dimostrare tecnologie efficienti in termini di costi e affidabili per la trasmissione dell’energia eolica, all’interno di un solido quadro normativo, politico, finanziario e giuridico. Per maggiori informazioni, consultare: sito web del progetto PROMOTION

Paesi

Paesi Bassi

Articoli correlati