Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Durante l’infiammazione specie reattive dell'ossigeno mantengono sotto controllo il sistema immunitario

L’infiammazione è il tormento dell’invecchiamento sano e l’avvisaglia della malattia cronica. Il progetto REDOXIT, finanziato dall’UE, ha avviato una nuova strategia terapeutica per controllare le risposte immunitaria e infiammatoria che «sfuggono di mano».

Salute

Gli obiettivi del progetto REDOXIT erano a dir poco ambiziosi. I ricercatori hanno dovuto bilanciare il trasferimento delle conoscenze fra tre università europee e un’azienda di biotecnologie, Redoxis AB a Lund (Svezia), oltre ad acquisire una nuova comprensione riguardo approcci innovativi per curare le malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide e il lupus eritematoso sistemico.

La formazione dei ricercatori e la malattia combattono sullo stesso piano

Il progetto del programma Marie Skłodowska-Curie ha concentrato l’attenzione sullo sviluppo di competenze tecniche e trasversali dei ricercatori per aiutarli ad avere successo in settori multidisciplinari e altamente competitivi del giorno d’oggi. «I ricercatori che trascorrono periodi nel settore hanno ricevuto formazione su nuove capacità tecniche e connesse all’innovazione e sul mondo commerciale tramite affiancamento informale», spiega Helen Griffiths, professoressa di Scienze biomediche all’Università del Surrey e coordinatrice del progetto. «I ricercatori scientifici di oggi hanno bisogno di molte capacità. «Oltre a essere in grado di progettare e condurre ottimi esperimenti di laboratorio, devono comprendere come la ricerca crea proprietà intellettuale e come comunicare la scienza in modo efficace», continua la professoressa. «Uno degli aspetti di cui siamo più orgogliosi è la crescita di ricercatori ad inizio carriera tramite questo progetto», afferma Griffiths con entusiasmo. Cinque degli otto ricercatori hanno ricevuto i livelli più alti e il lavoro congiunto è stato fondamentale per il loro successo. Inoltre, tre dei ricercatori ad inizio carriera hanno già ottenuto incarichi nel settore. I principali risultati scientifici includono due nuove entità chimiche che erano efficaci nel curare modelli di artrite e lupus. Queste entità chimiche hanno modificato il comportamento di una cellula antinfiammatoria: il comportamento del neutrofilo, un globulo bianco si è spostato verso la risoluzione dell’infiammazione. «Inoltre abbiamo rilevato nuove proteine target per valutare gli effetti dei composti di Redoxis. Gli ossidanti prodotti erano capaci di cambiare attività delle proteine di membrana e di evitare ulteriore attivazione del sistema immunitario», prosegue Griffiths.

Anticipare il personale di ricerca futuro

Una delle sfide più grandi è stata prevedere il personale che sarebbe stato disponibile per gli scambi quasi cinque anni prima della fine del progetto sulla domanda di sovvenzione. La maggior parte dei dottorati di ricerca dura quattro anni: in questo modo gli studenti che sarebbero stati operativi prima dell’inizio del progetto non sarebbero stati presenti alla sua conclusione. «Per ospitare personale reclutato di recente per la fine del progetto nel programma di scambio, abbiamo sperato di potere prolungare il progetto per consentire agli ultimi neoassunti di partecipare», afferma Griffiths. Purtroppo ciò non rientrava nelle norme, così REDOXIT ha dovuto ridurre la portata del lavoro che aveva pianificato.

La battaglia contro i disturbi infiammatori continua

Il team è contento di continuare ad essere un partner per la ricerca insieme in un nuovo progetto, NeutroCure. «Il nostro prossimo progetto, guidato dall’Università di Erlangen, sarà il primo tentativo di ottenere una soluzione rivoluzionaria per controllare la produzione di specie reattive dell'ossigeno (ROS) per curare l’infiammazione incontrollata in una modalità mirata a ridurre al minimo i danni collaterali», spiega Griffiths. NeutroCure comprende sei partner accademici europei e una PMI che promuoverà la commercializzazione dei nuovi farmaci. Griffiths conclude così la sua visione dei risultati tecnici e la loro prossima iniziativa di ricerca: «Ci aspettiamo che questo progetto avrà un impatto favorevole fornendo soluzioni di trattamento inesplorate in precedenza per malattie patologiche severe causate dalla produzione alterata di ROS».

Parole chiave

REDOXIT, infiammazione, ROS, specie reattive dell'ossigeno, artrite, lupus, neutrofilo, invecchiamento, malattia cronica

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione