Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Una soluzione software universale per lo screencast

Tutti abbiamo visto gli oratori di una conferenza armeggiare con i cavi del proiettore, ma ora la trasmissione grafica wireless dista solo un paio di clic.

Economia digitale
Tecnologie industriali

Le grandi riunioni attirano generalmente persone da molte organizzazioni e gli oratori portano di solito i propri computer o altri dispositivi per proiettare la grafica per il pubblico. Tuttavia, gli oratori ospiti conoscono raramente in anticipo l’hardware all’interno della sala riunioni. Anche in una situazione ideale, la connessione di dispositivi al proiettore richiede comunque diversi adattatori e cavi e gli oratori sprecano spesso il loro tempo nel tentativo di risolvere problemi di connessione all’hardware. Secondo il progetto UnboxingPixels, finanziato dall’UE, le sale riunioni necessitano di un’unica soluzione software per tutto. Il sistema del progetto, chiamato Pxio, abbreviazione di Pixel Input/Output, consente a chiunque all’interno di una sala riunioni di trasmettere simultaneamente e senza cavi contenuti sia audio che video a qualsiasi schermo condiviso. Il contenuto potrebbe essere mostrato su un grande schermo di una sala riunioni o su pareti video, come nel caso delle fiere commerciali. Nonostante le fiere e gli showroom presentino già ampie pareti video composte da diversi monitor separati, la configurazione di tali schermi è difficile, e richiede anche server multimediali specializzati e costosi. Inoltre, il numero di schermi cui possono accedere tali sistemi è limitato sin dalla progettazione. Al contrario, Pxio dispone di una scalabilità infinita e utilizza hardware standard.

Niente più cavi

«I dati necessari non sono più inviati tramite i cavi», afferma Alexander Löffler, coordinatore del progetto, «ma trasmessi all’interno dell’infrastruttura software di Pxio attraverso la rete di aziende già esistenti». Dal momento che è basato sul software, Pxio non dipende dall’hardware e funziona con qualsiasi sistema operativo, consentendo il trasporto di pixel generici attraverso la rete IP dell’azienda. Essendo integrato alla rete, il software gestisce le caratteristiche di autenticazione dell’utente e di automazione. I terminali utilizzano un client software che accede a un server nell’intranet dell’azienda per la gestione dei diritti digitali e della licenza. Tuttavia, il software invia direttamente dati di pixel tra sorgenti e schermi. Gli algoritmi proprietari per la distribuzione e la sincronizzazione intelligente dei pixel gestiscono il processo di trasmissione. Pxio fornisce alle aziende un’unica soluzione universale per l’intera rete, dove è possibile accedere agli schermi tramite funzioni di trascinamento all’interno dell’applicazione. Pxio è inoltre conveniente e scalabile in base alle dimensioni dell’azienda.

Test di fattibilità

Il progetto ha sviluppato una versione prototipo funzionale installata in diverse sedi dei clienti e gli ingegneri stanno attualmente finalizzando il prodotto per un’immissione su vasta scala. Ciò implica la modifica dei parametri interni e delle funzionalità tecniche collegate alle prestazioni, nonché il miglioramento delle interfacce utenti. Il team ha presentato domanda per la fase 2 dei finanziamenti dell’UE a marzo 2020 che, se accordati, consentiranno di accelerare l’introduzione del prodotto sul mercato europeo. I ricercatori hanno inoltre condotto uno studio di commercializzazione e fattibilità sul prodotto in Europa, al di fuori del suo mercato interno tedesco. «Il nostro studio ha dimostrato la presenza di un enorme potenziale per Pxio», aggiunge Löffler. «Fondamentalmente, Pxio potrebbe essere utilizzato ovunque siano presenti contenuti visivi». Le ubicazioni potrebbero spaziare da piccole sale riunioni a grandi centri espositivi. I partner del progetto vedono un’integrazione finale del prodotto ad altre infrastrutture per le sale conferenze controllate dal software, quali le luci. L’armeggiare con l’attrezzatura per lo screencast potrebbe finalmente diventare un ricordo del passato.

Parole chiave

UnboxingPixels, Pxio, software, hardware, rete, dati, screencast, pareti video

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione