Skip to main content

Trusted online service for identity assurance

Article Category

Article available in the folowing languages:

Una tecnologia pionieristica verifica ininterrottamente e in modo sicuro le informazioni dei clienti reperite online

Un regolamento UE sull’identificazione elettronica (eID) e sui servizi fiduciari per le transazioni elettroniche ha creato sfide complesse per le imprese e le persone che accedono ai servizi finanziari. In risposta a questo, un’iniziativa dell’UE ha fornito soluzioni per verificare l’identità digitale delle imprese europee.

Sicurezza

I processi KYC (know-your-customer, conosci i tuoi clienti) sono diventati un obbligo legale per l’onboarding (registrazione secondo uno standard conforme alle normative) dei clienti per i servizi finanziari online. Queste procedure garantiscono che i nuovi clienti sono chi dicono di essere. Successivamente, nel 2014 l’UE ha adottato il regolamento eIDAS per infondere fiducia nelle transazioni online e digitali. Il regolamento specifica tre livelli di garanzia forniti dai diversi fornitori di identità digitale. «Tuttavia, spettava ai paesi dell’UE definire gli strumenti necessari per ogni livello e i servizi finanziari associati consentiti per ciascun livello», spiega Gisle Aasgaard, coordinatore del progetto IDAaaS, finanziato dall’UE. «Il panorama frammentato ha anche ostacolato lo sviluppo del settore dei servizi finanziari in Europa quale mercato unico digitale». I partner del progetto hanno fatto ricerche sulle pratiche attuali e sulla necessità di soluzioni di digital onboarding e hanno intervistato oltre 3 000 utenti finali in diversi paesi europei sulle loro esperienze in tal campo. I risultati principali mostrano che i fornitori di servizi finanziari hanno perso quasi il 40 % dei loro clienti a causa di processi di onboarding scadenti, nonostante i forti investimenti in trasformazioni digitali e gli sforzi di marketing per attirare i clienti.

Soluzioni di verifica e autenticazione

Per consentire alle organizzazioni regolamentate di coinvolgere i clienti in contratti digitali giuridicamente vincolanti, il team di IDAaaS ha sviluppato una piattaforma per l’identità digitale caratterizzata da un onboarding digitale sicuro abilitato attraverso servizi di verifica dell’identità e il rispetto dei requisiti normativi. La piattaforma è scalabile e transfrontaliera, può essere integrata con soluzioni di identificazione nazionali e altre fonti di dati relative all’identità. Il polo per l’identità digitale è il fulcro della piattaforma dedicata all’identità digitale. Raccoglie numerosi punti di connessione, garantendo agli utenti la possibilità di connettersi e di verificare i propri clienti online. Collegandosi a questo polo, i clienti possono accedere a un’ampia varietà di metodi di verifica e autenticazione in molti mercati europei. Il polo comprende collegamenti a oltre 30 programmi eID in Europa. Questi eID consentono un onboarding efficiente e sicuro degli utenti finali e l’autenticazione dei clienti che ritornano. Il polo supporta anche una serie di ricerche nel registro e di fonti di dati per verificare od ottenere ulteriori informazioni sull’utente. Inoltre, attraverso il polo è possibile verificare se un utente è un individuo esposto politicamente. È facilmente estensibile e può essere integrato in diversi sistemi aziendali e costruito su funzionalità aggiuntive di verifica dei dati di identità.

Un polo unico per la garanzia dell’identità in Europa

Il progetto sta aiutando le aziende regolamentate in tutta Europa a conformarsi ai requisiti KYC, semplificando al contempo l’esperienza di navigazione e di accesso online degli utenti. I fornitori di servizi ricevono informazioni affidabili sull’identità degli utenti delegando la procedura ad esperti in materia di identità, risparmiando così tempo e denaro. Un processo di onboarding senza problemi e più intuitivo tramite una soluzione esclusivamente digitale rende più facile per i consumatori sottoscrivere nuovi servizi finanziari. «IDAaaS ha introdotto una suite completa di soluzioni per la verifica e l’autenticazione dell’identità digitale che consentono un percorso digitale completo per il cliente, dall’onboarding e l’autenticazione alla firma elettronica dei documenti legalmente vincolanti che superano la prova del tempo», conclude Aasgaard. «In definitiva, ci sarà una riduzione delle frodi, una maggiore fiducia nei servizi digitali e gli utenti avranno meno probabilità di abbandonare le applicazioni di onboarding».

Parole chiave

IDAaaS, onboarding, identità digitale, servizio finanziario, verifica, autenticazione, eID, onboarding digitale, KYC, eIDAS

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione