Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Una dose di aglio può aiutare a mantenere in salute i pesci di allevamento

Un estratto di piante di aglio può ridurre la necessità dell’uso di antibiotici nell’acquacoltura, a beneficio di agricoltori, animali e ambiente.

Alimenti e Risorse naturali

L’europeo medio mangia 25 kg di pesce all’anno, di cui 1,3 milioni di tonnellate sono prodotte attraverso l’acquacoltura nell’UE. Gli antibiotici utilizzati negli allevamenti ittici per controllare le malattie e promuovere la crescita rappresentano un rischio di resistenza agli antibiotici e inquinamento ambientale. Il progetto AQUAGARLIC, dell’UE, cerca di portare ulteriori alternative rispettose dell’ambiente sul mercato da 1 miliardo di euro di mangimi per pesci. «Ci proponiamo di sviluppare un prodotto basato su fonti sostenibili e vegetali», afferma Enrique Guillamon, coordinatore del progetto, «attraverso composti naturalmente presenti nell’aglio e nella cipolla per scopi terapeutici in agricoltura». Circa il 50 % del mercato in valore dell’acquacoltura dell’UE deriva da pesce marino messo in gabbia, quale il salmone. Le condizioni di affollamento e l’allevamento intensivo all’interno di queste recinzioni possono sfociare in epidemie che conducono a ingenti perdite economiche, rappresentando un pericolo per la salute umana.

Un supplemento nutritivo

AQUAGARLIC è un nuovo additivo per mangimi sviluppato dall’azienda spagnola Domca in grado di prevenire le malattie microbiche e ridurre l’incidenza di parassiti nel pesce di allevamento. Esso si basa su composti organosolforati estratti dalle piante della specie Allium quali la cipolla e l’aglio. La Spagna è il principale produttore di queste due colture in Europa. I raccolti considerati inadeguati per il consumo umano vengono generalmente venduti come mangimi e AQUAGARLIC offre il potenziale per convertire ciò in un supplemento nutrizionale di alto valore.

Testare il gusto

A differenza degli antibiotici, i composti organosolforati si attivano solo una volta metabolizzati dal pesce e ciò significa che sono più sicuri per l’ambiente. L’estratto, inoltre, non condiziona il sapore del pesce. «Abbiamo svolto un’analisi sulla trota e non sono stati trovati residui dei composti nel tessuto animale», aggiunge Guillamon. «Abbiamo cotto la trota e condotto diversi esperimenti sensoriali preliminari con altri alimenti derivanti da animali, quali il latte e le uova e non abbiamo riscontrato problemi». Domca vende già additivi per mangimi a base di Allium per gli allevamenti terrestri. «Siamo specialisti in questi composti, abbiamo studiato la chimica delle specie di Allium e le proprietà biologiche di questi composti per 20 anni», osserva Guillamon, che opera come direttore tecnico dell’azienda. Il progetto ha ricevuto il supporto del programma Orizzonte 2020 dell’UE, per intraprendere uno studio di fattibilità del mercato. «Questo tipo di finanziamento è fondamentale per realizzare gli sviluppi necessari nel prodotto», aggiunge Guillamon. «Se non avessimo ricevuto questo finanziamento, ci avremmo impiegato 10 anni, perché siamo un’azienda piccola e le nostre risorse per la ricerca e lo sviluppo sono limitate».

Partner di ricerca

Guillamon cita inoltre i costi derivanti dagli ostacoli normativi, nonché la difficoltà di gestione per un’azienda spagnola quando i partner di ricerca sono generalmente situati nell’Europa settentrionale. «Sono presenti due o tre aziende che controllano l’80-85 % degli additivi dei mangimi per pesci e non saremmo in grado di competere con loro senza questo tipo di finanziamento», spiega il direttore. Domca ha già svolto sperimentazioni di successo in America Latina, sebbene Guillamon auspichi la necessità di ulteriori ricerche per preparare gli additivi per mangimi per gli acquirenti europei. «In Cile le condizioni sono molto diverse da quelle dell’Irlanda o della Norvegia e il salmone europeo è colpito da parassiti e microbi patogeni diversi da quello cileno», aggiunge Guillamon. Domca intende ora chiedere i finanziamenti per la Fase II per commercializzare AQUAGARLIC nell’UE.

Parole chiave

AQUAGARLIC, salmone, trota, pesce, allevamento, agricoltura, Allium, aglio, cipolla, additivo, nutritivo

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione