Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Un assistente virtuale intelligente per la genitorialità

Un prodotto innovativo, finanziato dall’UE, facilita la vita dei genitori che lavorano e fanno fatica a conciliare lavoro e cura dei figli. La prima e unica soluzione per il monitoraggio dei figli che utilizza l’intelligenza artificiale è ora una realtà.

Economia digitale
Società

Il 2020 passerà alla storia come l’anno in cui, a causa della pandemia di Covid-19, conciliare lavoro e cura dei figli è diventato ancora più complicato per i genitori che lavorano. A salvarli, un sistema intelligente di monitoraggio che funge da babysitter aspira a diventare «il piccolo aiutante dei genitori». Invidyo è una tata virtuale intelligente che offre monitoraggio e servizi per informarsi sul benessere generale dei bambini. Inoltre, cattura in modo automatico i loro momenti preziosi da non perdere e fornisce ai genitori la capacità di rivedere rapidamente gli eventi del giorno tramite sintesi giornaliere intelligenti. Questa fotocamera intelligente si avvale di algoritmi avanzati di intelligenza artificiale per creare in modo automatico un breve video di sintesi che contiene i momenti importanti della giornata. In questo modo, consente ai genitori di rivedere molto rapidamente gli eventi accaduti in loro assenza. Un’altra innovazione riguarda l’utilizzo da parte di Invidyo di algoritmi di analisi dell’audio per distinguere tra i diversi tipi di rumori forti nel flusso audio. Questo permette di rilevare i momenti in cui il bambino sta piangendo e di inviare una notifica sul cellulare ai genitori, offrendo loro anche la possibilità di calmare i propri figli suonando una ninna nanna direttamente dall’applicazione mobile utilizzando una funzione audio bidirezionale. Il prodotto utilizza inoltre la tecnologia di riconoscimento facciale in due modi: facendo sì che i genitori vengano allertati immediatamente se una persona sconosciuta viene rilevata nelle vicinanze del figlio. In aggiunta, riconosce le espressioni facciali del bambino, tra cui il sorriso, grazie all’aiuto della tecnologia di analisi delle emozioni, in modo da comunicare ai genitori quando il figlio è felice. Infine, il prodotto assicura che l’ambiente del bambino sia sano tramite l’uso di sensori di temperatura e avvisa i genitori quando i valori dei sensori oltrepassano l’intervallo tollerabile.

I finanziamenti contribuiscono a ottimizzare il progetto e le prestazioni

I finanziamenti del progetto hanno consentito all’azienda di riprogettare le applicazioni mobili, rendendole molto più facili da utilizzare e intuitive. Inoltre, sono stati migliorati la scalabilità lato server e l’efficacia dell’algoritmo intelligente, così come il disegno industriale del prodotto finale, che agevola il montaggio sulla culla del bambino. «Abbiamo intrapreso diverse iterazioni del progetto e usato gruppi di beta tester per assicurarci che la nostra progettazione soddisfacesse i requisiti dei genitori. Grazie a ogni iterazione della progettazione abbiamo migliorato la struttura del montaggio e crediamo che il prodotto finale sia uno dei migliori in circolazione», afferma Ozgur Deniz Onur, coordinatore del progetto e partner fondatore dell’azienda Mobilus.

Superare gli ostacoli dell’innovazione

La sfida più grande per l’azienda consisteva nel comprendere le esigenze effettive dei genitori che lavorano e creare un impatto davvero positivo nelle loro vite. Onur spiega che la maggior parte dei nuovi prodotti innovativi per la genitorialità sono percepiti più come un mucchio di funzionalità tecnologiche alla moda piuttosto che come strumenti essenziali che aiutano effettivamente i genitori nelle loro difficoltà quotidiane e che permettono loro di crescere figli sani e felici. «Abbiamo parlato con diverse centinaia di genitori per capire le loro esigenze e ci siamo rivolti anche alle agenzie che reclutano le tate per informarci sulle principali aspettative dei genitori nei confronti dei fornitori professionali di assistenza all’infanzia. Certo, ha contribuito molto il fatto che la maggior parte del personale e dei dirigenti del progetto fossero anche genitori di bambini piccoli. Alla fine, Invidyo si è evoluto e continua a evolversi verso uno strumento che aiuta i genitori a monitorare e migliorare il benessere dei propri figli». Il prodotto sarà presto disponibile sul mercato europeo, inizialmente in Germania, Spagna, Francia e Italia, con l’obiettivo di raggiungere quanti più clienti possibile. Mentre Mobilus sta continuando a sviluppare e ad aggiungere nuove funzionalità più intelligenti, i ricercatori stanno anche costruendo un nuovo prodotto per il segmento dell’assistenza agli anziani, dato che la tecnologia necessaria nel campo è simile e c’è una domanda crescente di strumenti aggiornati per l’assistenza ai cittadini della terza età.

Parole chiave

Invidyo, genitori, monitoraggio, cura dei figli, algoritmi, tecnologia, intelligenza artificiale

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione