Skip to main content

European Joint Programme for the Integration of Radiation Protection Research

Article Category

Article available in the folowing languages:

Attività di ricerca congiunte e tabelle di marcia guidano la ricerca sulla protezione dalle radiazioni in Europa

La comunità scientifica europea attiva nel campo della protezione dalle radiazioni deve conseguire un miglior livello di integrazione. Se raggiunto, questo obiettivo ottimizzerà il coordinamento degli sforzi di ricerca e fornirà ai responsabili decisionali di questo settore raccomandazioni politiche più solide e consolidate.

Energia

Il progetto CONCERT, finanziato dall’UE, si è prefisso di contribuire all’integrazione sostenibile dei programmi di ricerca europei e nazionali nel campo della protezione dalle radiazioni. A tal fine, ha attirato gli sforzi di ricerca nazionali in questo campo e li ha aggregati ai programmi di ricerca Euratom nell’ambito dello stesso settore. «Ciò è stato fatto per utilizzare le risorse pubbliche di ricerca e sviluppo in modo migliore e per affrontare più efficacemente sfide europee comuni nel campo della protezione dalle radiazioni mediante la realizzazione di sforzi di ricerca congiunti in ambiti cruciali», spiega Thomas Jung, coordinatore del progetto.

Creare sinergie per un’area di ricerca integrata

Il team di CONCERT ha avviato e sostenuto lo sviluppo di agende di ricerca strategiche (ARS), raccomandazioni per definire le priorità di ricerca e la creazione di tabelle di marcia per la ricerca in tutti i principali settori di ricerca nel campo della protezione dalle radiazioni attraverso le attività delle piattaforme di ricerca di Euratom, ossia l’Alleanza europea per la radioecologia, il Gruppo europeo di dosimetria delle radiazioni, l’Alleanza europea per la ricerca sulla protezione dalle radiazioni in campo medico (EURAMED), l’Iniziativa multidisciplinare europea sulle radiazioni a basso dosaggio, la Piattaforma europea sulla capacità di reazione e di ripristino in caso di emergenze nucleari e radiologiche e la Piattaforma di ricerca sulle radiazioni ionizzanti nel settore delle scienze sociali e umane (SHARE). Questi sviluppi sono stati inoltre comunicati alle organizzazioni internazionali europee attive nel settore della protezione dalle radiazioni, con cui sono state quindi effettuate delle discussioni in tal ambito. I paesi dell’UE hanno contribuito allo sviluppo di un’ARS europea congiunta per la ricerca sulla protezione dalle radiazioni che definisce le aree prioritarie e gli obiettivi strategici per quanto concerne la cooperazione e fornisce una visione e un ruolo guida al programma di ricerca europeo sulla protezione dalle radiazioni fino al 2030 e oltre. L’ASR congiunta serve da punto di partenza per una discussione comune in tutte le discipline relative alle scienze sociali e umane. Essa integra in modo completo attività di istruzione e formazione allo scopo di costruire e mantenere le competenze necessarie per consentire la concretizzazione di un ecosistema di protezione dalle radiazioni vincente, armonioso e sostenibile in Europa, tanto oggi quanto nel futuro. Inoltre, CONCERT ha riunito attori nazionali ed europei per redigere una tabella di marcia congiunta a livello comunitario per quanto concerne la ricerca sulla protezione dalle radiazioni, un progetto che fungerà da apripista alla realizzazione di un panorama di ricerca sostenibile in Europa. Per soddisfare l’esigenza di un approccio multidisciplinare alla ricerca e innovazione rafforzato, i partner del progetto hanno integrato attività di ricerca nel campo delle applicazioni mediche, delle radiazioni ionizzanti e delle scienze sociali e umane legate al settore della protezione dalle radiazioni. Nel compiere questi sforzi, essi hanno sostenuto attivamente l’istituzione delle nuove piattaforme di ricerca EURAMED e SHARE.

Incrementare le conoscenze e la base di evidenze scientifiche attuali

CONCERT ha indetto due bandi transnazionali aperti di ricerca e sviluppo per rafforzare la ricerca scientifica nelle aree prioritarie strategiche relative alla protezione dalle radiazioni secondo quanto indicato dalle piattaforme di ricerca europea in questo campo. In totale sono stati selezionati 9 progetti di ricerca, per finanziamenti che hanno coinvolto 94 partner. I cinque bandi per attività di istruzione e formazione hanno determinato il finanziamento di cinquantasette corsi. Il progetto è considerato quale il primo del suo genere nella ricerca in materia di protezione dalle radiazioni. «CONCERT ha stimolato un’azione multidisciplinare per svolgere un lavoro trasversale di ricerca al fine di soddisfare le esigenze della società relative alla protezione dalle radiazioni, a tutela del pubblico generale, dei lavoratori, dei pazienti e dell’ambiente», afferma Jung, che conclude: «La promozione di attività congiunte di ricerca europea e nazionale e di altre attività di integrazione co-finanziate garantirà una miglior comprensione e quantificazione dei rischi per la salute degli esseri umani e dei possibili impatti sull’ambiente, nonché l’ottimizzazione delle strategie sulla protezione dalle radiazioni».

Parole chiave

CONCERT, protezione dalle radiazioni, tabelle di marcia, programma di ricerca, ARS, piattaforma di ricerca, Euratom, ricerca e sviluppo, scienze sociali e umane

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione