Skip to main content

Tracking children in their best interests: electronic monitoring in three European juvenile justice systems

Article Category

Article available in the folowing languages:

Necessità di un approccio a misura di bambino per i minori che indossano etichette elettroniche

Un nuovo studio rileva che i diritti dei bambini non sono sempre adeguatamente considerati nei sistemi di monitoraggio elettronico.

Economia digitale
Società

Secondo le conclusioni di un nuovo studio, il monitoraggio elettronico ha conseguenze potenzialmente dannose per i bambini a cui è stato ordinato di indossare etichette elettroniche, questo perché i sistemi giudiziari non riescono ad adottare approcci a misura di bambino. Le etichette elettroniche possono limitare il coinvolgimento dei bambini in attività adeguate all’età e la visibilità dei dispositivi aumenta il rischio che chi li indossa venga identificato come soggetto a provvedimenti giudiziari, affermano i ricercatori supportati dal programma di azioni Marie Skłodowska-Curie. Il gruppo di ricerca dietro al progetto TCBI, presso l’Università di Leeds nel Regno Unito, ha chiesto che vengano raccolti dati migliori a livello nazionale e che venga sviluppato un approccio comune al monitoraggio elettronico nelle diverse giurisdizioni dell’UE. «La ricerca dimostra che le procedure variano da giurisdizione a giurisdizione nella misura in cui rispondono ai diritti dei bambini», afferma Eszter Párkányi, la borsista di ricerca del progetto, supervisionata da Anthea Hucklesby, allora professoressa di giustizia penale a Leeds. I ricercatori hanno studiato il funzionamento del monitoraggio elettronico in tre diversi sistemi giudiziari europei: Inghilterra e Galles, Ungheria e Paesi Bassi. Sebbene abbiano riscontrato alcune lacune in tutti loro, hanno anche segnalato esempi di buone pratiche. Ciò comprendeva il «modello di riabilitazione» olandese in cui i bambini partecipano alla valutazione per il monitoraggio elettronico e dove è più probabile che venga preso in considerazione l’interesse superiore del minore. «Nei Paesi Bassi, il monitoraggio elettronico viene utilizzato principalmente nell’ambito di un programma di supervisione intensivo per supportare il cambiamento comportamentale finalizzato a determinare la desistenza. Il processo è supervisionato da operatori specializzati nella sorveglianza dei giovani», osserva Hucklesby. Hucklesby aveva precedentemente guidato un progetto comparativo europeo sull’uso del monitoraggio elettronico nei sistemi di giustizia penale per adulti. Párkányi e Hucklesby hanno notato che, nonostante il suo utilizzo in molti sistemi giudiziari europei, le ricerche disponibili sul monitoraggio elettronico per i bambini erano limitate. Il team di ricerca ha analizzato le leggi e le politiche pertinenti e ha intervistato professionisti e parti interessate nelle tre giurisdizioni. Hanno anche parlato a scolaresche in gruppi di discussione e intervistato quattro bambini soggetti a monitoraggio elettronico. Hanno sentito che a volte i bambini evitano gli sport e le attività con altri bambini della loro età qualora risulti visibile un’etichetta elettronica ingombrante e non vogliono che i loro coetanei sappiano che sono sotto monitoraggio. «C’è stato un forte supporto alla progettazione di dispositivi più piccoli e all’allungamento della durata delle batterie per migliorare l’esperienza di chi li indossa», aggiunge Párkányi. Sebbene l’assistenza tecnologica sia fornita da personale professionale qualificato in tutte le tre giurisdizioni, un supporto dedicato incentrato sul benessere dei bambini non è sempre un requisito. I ricercatori hanno concluso che i paesi dovrebbero garantire che il supporto venga implementato in tutte le procedure e fornito da servizi specializzati in giustizia giovanile e protezione dei minori. Se implementato correttamente, il monitoraggio elettronico può ridurre il numero di bambini in detenzione e il tempo che i bambini trascorrono reclusi, sia in custodia cautelare che in attesa di condanne. Può anche supportare il congedo carcerario, il rilascio anticipato e la riabilitazione nella comunità. Ciò è auspicabile dal punto di vista dei diritti dei bambini, ma anche perché questi sono a rischio di violenze da parte del personale del centro di detenzione, di detenuti adulti e coetanei e di alti livelli di autolesionismo, come ha rilevato l’ONU. «Vorremmo promuovere lo sviluppo di un approccio completo al monitoraggio elettronico nelle diverse giurisdizioni dell’UE e incoraggiare la discussione tra i responsabili delle politiche nazionali», conclude Hucklesby.

Parole chiave

TCBI, monitoraggio elettronico, etichetta elettronica, detenzione

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione