Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Trasmettere la conoscenza medica alla «fin de siècle»

L’educazione medica può essere sia politica che affettiva. Una ricerca finanziata dall’UE ha esplorato il modo in cui il pubblico occidentale non esperto sia venuto a sapere cosa stesse accadendo nel mondo della ricerca medica tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo e come sia arrivato a valutarne o a comprenderne il valore sociale.

Società

In un periodo in cui il ruolo dell’educazione medica assume un ruolo significativo per il pubblico in generale, il progetto IDEM, finanziato dall’UE, offre informazioni sulle tecniche e strategie pedagogiche della formazione medica per persuadere il pubblico laico del valore della medicina sperimentale. I casi di studio includono Inghilterra, Germania e Nord America, dal 1870 al 1914. In questo contesto Rob Boddice, borsista Marie Skłodowska-Curie, ha scritto in collaborazione con Mark Smith, riconosciuto professore di storia presso l’Università della Carolina del Sud, il trattato teorico e metodologico Emotion, Sense, Experience. Ha scritto inoltre la monografia principale del progetto IDEM, Humane Professions: The Defense of Experimental Medicine, 1876-1914 (che sarà pubblicata nel febbraio del 2021), un libro popolare, A History of Feelings, nonché un saggio corrispondente per la rivista Aeon, che ha raggiunto quasi 80 000 lettori.

Un avventuroso percorso di ricerca

Un incendio alla Osler Library of the History of Medicine della McGill University di Montreal ne ha reso difficile l’accesso per un lungo periodo, provocando il rinvio di una mostra pubblica pianificata dei materiali di ricerca primari del progetto, che è stata riprogrammata per svolgersi in un sito alternativo, solo per poi essere bloccata dall’epidemia di COVID-19. Si spera che possa ancora svolgersi il prossimo anno. D’altra parte, intellettualmente, IDEM ha richiesto lo sviluppo di una nuova struttura metodologica, la nuova storia dell’esperienza, che il ricercatore non aveva del tutto previsto all’inizio. «Ciò ha importanti implicazioni per il modo in cui gli storici faranno questo tipo di ricerca in futuro e si tratta, per molti versi, di un lavoro ancora in fase di sviluppo», afferma Boddice.

Misurare e comprendere le emozioni

Il campo della storia delle emozioni è in fase di sviluppo almeno dagli anni ’80. Boddice ha svolto un ruolo attivo in un’espansione essenziale della ricerca in questo settore durante l’ultimo decennio. Nel caso del progetto IDEM, la sua innovazione metodologica ha coinvolto un intreccio di ciò che gli scienziati medici si dicono l’un l’altro e alla società con ciò che fanno abitualmente nei laboratori, insieme ai modi in cui utilizzano le reti di influenza sociale e la manipolazione dei media per rappresentare quelle pratiche. La risposta emotiva del pubblico è stata misurata attraverso fonti che mostrano l’accettazione o il rifiuto degli appelli da parte dei professionisti in campo medico nel corso del tempo. Questi assumono la forma di scrittura nella stampa popolare, coinvolgimento in gruppi di pressione laici e affermazione politica della loro verità (o falsità). Nel periodo in esame, gli appelli medici di carattere affettivo per l’umanità della ricerca sperimentale sembravano prevalere in modo schiacciante su un minoritario appello antivivisezione.

Obiettivo successivo: l’esperienza del paziente

In qualità di borsista di ricerca senior per il Centro di eccellenza dell’Accademia di Finlandia in Storia delle esperienze presso l’Università di Tampere, Boddice sta attualmente lavorando a un volume con Bettina Hitzer sull’esperienza della medicina e della malattia in un contesto storico globale, nonché su un nuovo progetto sulla storia culturale del placebo. «La Borsa di ricerca globale è stata un’opportunità straordinaria, che mi ha permesso di lavorare per due anni a Montreal e di costruire una rete internazionale significativa. Il programma offriva le condizioni ideali per una ricerca produttiva e uno scambio di conoscenze e sono davvero grato alla Commissione per il loro supporto», conclude.

Parole chiave

IDEM, storia, medicina, medicina sperimentale, conoscenza medica, pubblico non esperto, ricerca medica

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione