Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Piattaforma intelligente per prevedere la domanda relativa alla Covid-19 sul sistema sanitario

Un progetto finanziato dall’UE ha sviluppato una piattaforma di trasferimento di dati intelligente che aiuta i ricercatori a prevedere la domanda di unità di terapia intensiva durante la pandemia di coronavirus.

Economia digitale

La pandemia di Covid-19 preme sui sistemi sanitari globali che fanno fatica ad anticipare quante altre unità di terapia intensiva saranno necessarie mentre la malattia continua a diffondersi. Adesso è stata sviluppata una piattaforma di trasferimento di dati intelligente con il supporto del progetto EXCELLERAT, finanziato dall’UE, per aiutare a prevedere la domanda di unità di terapia intensiva nel corso della pandemia. Tramite questa piattaforma, il team di EXCELLERAT mira a fornire previsioni realistiche della futura domanda simulando la diffusione delle infezioni da SARS-CoV-2 e la necessità di unità di terapia intensiva. La piattaforma di trasferimento di dati intelligente è stata sviluppata per sostenere l’Istituto federale tedesco per la ricerca demografica (BiB) ed è stata realizzata tramite gli sforzi di due partner del progetto: SSC-Services e il Centro di calcolo ad alte prestazioni di Stoccarda (HLRS). L’HLRS fornisce la potenza di calcolo necessaria per i calcoli di simulazione tramite il suo nuovo supercomputer Hawk, mentre SSC-Services ha sviluppato la piattaforma consentendo lo scambio e il trasferimento di dati.

Approccio altamente automatizzato per un facile accesso

La piattaforma sta rendendo possibile per il BiB il caricamento di dati, l’inizio delle simulazioni e il download dei risultati. Il suo approccio altamente automatizzato rende facile persino per utenti inesperti l’accesso a risorse di calcolo ad alte prestazioni (HPC). «Al giorno d’oggi, le organizzazioni affrontano vari problemi quando sono alle prese con calcoli HPC, l’HPC in generale o persino l’accesso a risorse HPC», ha commentato Janik Schüssler di SSC-Services in un comunicato stampa pubblicato sul sito web di EXCELLERAT. «In molti casi, i calcoli sono troppo complessi e gli utenti non hanno le conoscenze necessarie rispetto alle tecnologie HPC. Questa è la sfida che SSC ha intrapreso. I ricercatori del BiB hanno dovuto accedere all’Hawk dell’HLRS in modo molto complesso. Con l’aiuto della nostra nuova piattaforma, possono accedere facilmente ad Hawk da qualsiasi luogo e gestire le loro simulazioni in remoto». Secondo un articolo pubblicato sul sito web di SSC-Services, il team di progetto sta attualmente testando la piattaforma con diversi partner pilota e sta utilizzando le loro risposte per migliorarla. «In questo contesto, è stata stabilita la cooperazione con il BiB, che è di grande importanza e crea valore per entrambe le parti nell’attuale situazione», ha dichiarato Schüssler nell’articolo. L’obiettivo di EXCELLERAT (The European Centre of Excellence for Engineering Applications) è aiutare l’industria meccanica europea a progredire verso tecnologie su scala exa e creare un punto di accesso singolo a servizi e conoscenze per tutte le parti interessate. «Questa piattaforma è parte della strategia generale e dello sviluppo di strumenti di EXCELLERAT, che non affronta soltanto la parte della simulazione dei flussi di lavoro meccanici, ma fornisce anche agli utenti i mezzi necessari per ottimizzare il loro lavoro», ha commentato Bastian Koller di HLRS nel comunicato stampa di EXCELLERAT. «Estendere l’applicabilità di questa piattaforma per ampliare i casi d’utilizzo al di fuori del dominio meccanico è un enorme vantaggio e aumenta l’impatto del lavoro svolto nel progetto EXCELLERAT». Per maggiori informazioni, consultare: sito web del progetto EXCELLERAT

Parole chiave

EXCELLERAT, Covid-19, coronavirus, calcolo ad alte prestazioni, HPC, dati, piattaforma

Articoli correlati