Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Attingere alle conoscenze tecniche degli sport motoristici per sviluppare i velivoli del futuro

Un progetto finanziato dall’UE ha concepito e prodotto il primo componente composito a base di fibre complesse per il dimostratore RACER, un aerogiro rapido e conveniente, dell’elicottero Airbus.

Trasporti e Mobilità

Quando si tratta di situazioni di ricerca e salvataggio o di emergenza medica, è fondamentale riuscire a raggiungere coloro che hanno bisogno entro i primi 60 minuti, definiti l’ora cruciale. Il dimostratore RACER dell’elicottero Airbus, in fase di sviluppo nell’ambito del programma Clean Sky 2, dimostra grandi potenzialità per voli di importanza strategica. È due volte più veloce rispetto agli elicotteri tradizionali, raggiungendo una velocità di oltre 400 km/h, oltre a essere agile, più ecologico, versatile e conveniente. Sfruttando la tecnologia degli sport motoristici, il consorzio FastCan, finanziato dall’UE, che comprende la società di consulenza KLK Motorsport GmbH e l’azienda Modell- und Formenbau Blasius GERG GmbH, è stato selezionato per la progettazione e la realizzazione di una struttura per il cupolino del dimostratore RACER. «Eravamo responsabili per la sua progettazione e ottimizzazione, mentre l’azienda GERG si è occupata della fabbricazione di componenti idonei alla circolazione aerea», osserva Steve Dubs, coordinatore del progetto e responsabile della progettazione presso la società di consulenza KLK Motorsport GmbH. Oltre a ciò, il progetto intendeva spalancare le porte a nuove possibilità di mercato nel settore aeronautico per il consorzio.

Una struttura rivoluzionaria per il telaio della cabina

All’inizio del 2021, FastCan ha fornito la struttura per il cupolino all’elicottero Airbus, raggiungendo gli obiettivi stabiliti nel 2017. Tale struttura è leggera, sicura e idonea alla circolazione aerea, nonché ottimizzata per un basso pescaggio aerodinamico, ha un buon campo visivo ed è conforme ai requisiti CS29 per quanto riguarda l’impatto con i volatili. «La progettazione del cupolino si è basata sui nostri oltre 20 anni di esperienza nello sviluppo e nella produzione di strutture leggere d’avanguardia in polimero rinforzato con fibre di carbonio (CFRP) per applicazioni automobilistiche e motoristiche», sottolinea Dubs. Il cupolino consiste in un monoblocco cavo realizzato in polimero rinforzato con fibre di carbonio caratterizzato da un grado elevato di integrazione funzionale. Ad esempio, il cupolino combina profili cavi con sezioni sandwich in un unico componente. La sua architettura offre numerosi vantaggi che contribuiscono, tra le altre cose, a ridurne il peso, il costo, i tempi di assemblaggio e l’impatto ambientale.

Migliorare la competitività del settore aeronautico europeo

«Riuscire a lavorare su un progetto in grado di ridurre sensibilmente il tempo necessario per prestare aiuto alle persone è molto motivante e gratificante», riflette Dubs. Oltre a contribuire allo sviluppo di RACER, il consorzio è riuscito a dimostrare la propria vasta esperienza e capacità nell’ambito di soluzioni composite leggere. Il gruppo ha avuto l’opportunità di ottimizzare, affinare e collaudare processi di progettazione proprietari e innovativi, nonché tecnologie di produzione per nuove applicazioni aerospaziali. Discutendo del futuro, Dubs spiega: «Intendiamo progettare e produrre in modo più economico e più veloce componenti leggeri per la fusoliera caratterizzati da una maggiore integrazione di funzioni. Questo tipo di trasferimento tecnologico a favore dell’industria aerospaziale, la cui dimostrazione è il cupolino per il RACER, serve a migliorare e a integrare le procedure esistenti del settore per quanto riguarda i componenti strutturali in polimero rinforzato con fibre di carbonio.» Ciò contribuirà ada aumentare la competitività europea nel mercato dell’aviazione. Nel lungo periodo, sarà possibile applicare il potenziale di tale tecnologia non solo ai singoli componenti, ma potenzialmente all’intera cellula aeronautica. FastCan ha acquisito un nuovo campo di applicazione con la progettazione e la realizzazione di componenti per il programma RACER. Inoltre, il consorzio si propone di rafforzare la propria posizione come partner affidabile e innovativo del settore aeronautico. «Scorgiamo un enorme potenziale nell’apportare valore ai nostri clienti, in particolare per quanto riguarda i concetti di mobilità aerea del futuro, in cui una struttura leggera e sicura risulta fondamentale per il raggiungimento di obiettivi ambiziosi», conclude Dubs.

Parole chiave

FastCan, cupolino, RACER, polimero rinforzato con fibre di carbonio (CFRP), elicottero Airbus, dimostratore, tecnologia per gli sport motoristici

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione