Skip to main content

A new boost for green jobs, growth and sustainability

Article Category

Article available in the folowing languages:

Stimolare l’occupazione verde nel settore edilizio spagnolo

Spronato dall’obiettivo dell’UE di decarbonizzare il parco immobiliare europeo entro il 2050, Construye 2020_Plus ha sviluppato soluzioni di formazione per sostenere un’industria edilizia sostenibile in Spagna, creando interessanti prospettive di lavoro e aprendosi al mercato.

Cambiamento climatico e Ambiente
Società

La riduzione delle emissioni di CO2 nel settore edile ha bisogno di cambiamenti strutturali, tra cui lo sviluppo di nuove tecniche, nuovi materiali e nuove competenze. Si tratta tanto di un’opportunità quanto di una sfida, poiché creerà occupazione e opportunità di mercato, portando al contempo benefici all’ambiente. Per aiutare a cogliere queste opportunità in Spagna, il progetto Construye 2020_Plus (A new boost for green jobs, growth and sustainability), finanziato dall’UE, ha sviluppato corsi di formazione formale e informale sui metodi di costruzione verde. «Il nostro approccio trasversale ha impegnato gli esperti a condividere prospettive diverse e soluzioni collaborative, mettendo in collegamento aree di costruzione che altrimenti non avrebbero potuto lavorare insieme. Questo ha aiutato a sensibilizzare il pubblico in materia di edifici sostenibili, un concetto cruciale per sviluppare un mercato per loro», spiega la coordinatrice del progetto Esther Rodriguez della Construction Labour Foundation. Il progetto ha creato una qualifica per i revisori energetici, in linea con l’attuazione della direttiva sull’efficienza energetica dell’UE, due corsi di efficienza energetica e una proposta per un sistema di riconoscimento delle competenze verdi. Sono stati inoltre aggiornati i corsi esistenti.

La formazione e l’accreditamento

Construye 2020_Plus ha adottato il modello di innovazione a quintupla elica per coinvolgere i principali interlocutori del mondo accademico, delle imprese, del governo, della società civile e dei gruppi di interesse ambientale, per la condivisione di conoscenze, competenze e opportunità. Circa 70 esperti in Spagna hanno identificato le principali sfide del settore edile, proponendo una tabella di marcia sulla formazione al fine di implementare 30 soluzioni per l’efficienza energetica, le fonti di energia rinnovabile e gli edifici a energia quasi zero (NZEB). L’istruzione e formazione professionale sviluppate da Construye2020_Plus comprendevano due corsi che saranno sperimentati nel 2021: efficienza energetica per gli operatori ed efficienza energetica per i dirigenti. Entrambi sono brevi corsi trasversali che offrono a ciascuna professione una maggiore conoscenza dell’altra. Inoltre, il progetto ha aggiornato diversi corsi nel quadro dell’iniziativa BUILD UP Skills compresi quelli relativi alle normative vigenti, ai materiali, alle soluzioni di costruzione e all’approccio NZEB. Approfittando dei recenti progressi della digitalizzazione nel settore edile, Construye 2020_Plus ha anche introdotto nella sua formazione una metodologia di costruzione snella e di modellizzazione delle informazioni di costruzione (BIM). «Poiché in Spagna gli sforzi per digitalizzare i flussi di lavoro nel settore edile non sono ancora diffusi, abbiamo solo introdotto questi concetti», aggiunge Rodriguez. «L’obiettivo non è quello di fornire una formazione completa in un mestiere specifico, ma di far conoscere agli artigiani la gamma di tecniche di costruzione sostenibile disponibili.» Per sviluppare la qualifica di revisore energetico, il team ha seguito la metodologia stabilita dall’Istituto nazionale spagnolo di qualificazione (INCUAL, un partner del progetto). Dopo l’approvazione ufficiale sarà pubblicato come parte del catalogo nazionale e adottato dai ministeri dell’istruzione e del lavoro. È inoltre in fase di sviluppo una proposta per un sistema di riconoscimento delle competenze verdi chiamato Green tag. Green tag certificherà i risultati dell’apprendimento dai corsi sull’efficienza energetica sia per gli operatori che per i dirigenti di livello medio e da almeno uno dei sei corsi aggiornati della gamma BUILD UP Skills.

Cambio di mentalità

Il progetto ha già partecipato a due eventi di BUILD UP Exchange, con risultati promossi anche all’interno di reti europee di formazione come REFORME e CPD. Il team sta ora organizzando 15 eventi regionali per promuovere i benefici dell’efficienza energetica negli edifici, supportati da una piattaforma virtuale che ospita contenuti come interviste, buone pratiche e formazione. «Vogliamo realizzare un cambio generazionale in modo che i lavori di edilizia verde diventino più appetibili per i giovani, contribuendo a creare una domanda di mercato per l’edilizia sostenibile», conclude Rodriguez. A più lungo termine, il team intende adattare il suo approccio ad altri settori correlati, come l’industria del legno e del metallo, così come ad altri paesi.

Parole chiave

Construye2020_Plus, costruzione, competenze, formazione, verde, innovazione, efficienza energetica, edifici, digitalizzazione, sostenibile, Spagna

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione