Skip to main content

PROTECTIVE INNOVATIONS OF NEW EQUIPMENT FOR ENHANCED RIDER SAFETY

Article Category

Article available in the folowing languages:

Una guida più sicura grazie ai dispositivi di protezione per motociclisti

L’utilizzo di dispositivi di protezione e sistemi di bordo migliori potrebbe ridurre fino al 25 % il numero di decessi e feriti gravi dovuti a incidenti in moto.

Trasporti e Mobilità

Nonostante tutte le funzioni di sicurezza avanzate che sono state immesse sul mercato nell’ultimo decennio, ogni anno sulle strade europee si verificano tuttora più di 4 000 incidenti mortali legati all’uso dei motocicli. È pertanto chiaro che esistono ancora margini di miglioramento, ed è qui che entra in gioco il progetto PIONEERS, finanziato dall’UE. «Migliorando i dispositivi di protezione individuale e potenziando i sistemi di bordo presenti sui motocicli, possiamo diminuire del 25 % il numero di decessi e feriti gravi legati a incidenti su due ruote entro il 2025», afferma Enric Soriano, ricercatore presso Applus+ IDIADA, un’azienda leader nel settore delle verifiche, ispezioni e certificazioni, che ha coordinato il progetto. Per comprendere in modo migliore la natura degli incidenti in moto, i ricercatori hanno avviato il proprio lavoro effettuando uno studio completo che ha abbracciato diversi paesi europei. Secondo Soriano, ciò ha portato ad alcuni risultati interessanti. «In base a quanto abbiamo rilevato, gli incidenti più letali coinvolgono scooter che procedono a bassa velocità o motocicli che viaggiano a velocità elevate», spiega. Lo studio ha inoltre esaminato il modo in cui gli incidenti si ripercuotono sull’equipaggiamento motociclistico, sul motociclo e sul motociclista, includendo un’analisi approfondita dei danni apportati al casco e mettendo in evidenza le parti del corpo risultate più sensibili a lesioni gravi.

Un equipaggiamento di sicurezza migliore

Le informazioni provenienti dallo studio sono state quindi raccolte e utilizzate per sviluppare nuove soluzioni di sicurezza, tra cui dispositivi di protezione individuale innovativi. «Il nostro obiettivo principale era quello di migliorare la sicurezza dei motociclisti fornendo un approccio integrato alla loro protezione, con una particolare attenzione all’equipaggiamento da essi indossato», aggiunge Soriano. Ad esempio, il progetto ha concepito uno stivale da touring migliorato che incrementa la protezione dagli impatti e dall’eccessiva rotazione delle caviglie, due incidenti molto comuni nei viaggi in moto. A tal fine, PIONEER si è avvalso di specifici elementi di assorbimento degli urti e di una struttura interna di sostegno simile a quanto viene attualmente utilizzato negli stivali da racing professionali. «Questo stivale aumenta la protezione del motociclista mantenendo al contempo un peso ridotto, oltre a garantire una praticità e una confortevolezza che lo rendono ideale per l’uso quotidiano», osserva Soriano. Un altro risultato chiave del progetto è stata la progettazione di una giacca da moto dotata di airbag integrati. Questi dispositivi sono posizionati in modo da gonfiarsi in seguito a un impatto, così da proteggere il torace del motociclista. Il progetto si è inoltre occupato di migliorare il casco per moto. «Le normative che regolano l’omologazione dei caschi per moto attualmente in vigore sono ottimizzate al fine di prevenire il rischio di fratture al cranio», osserva Soriano. «Il nostro casco compie un passo avanti in tal ambito grazie all’aggiunta di una fodera traspirante che protegge il cervello dal rischio di compressione in caso di incidente.» Per di più, il progetto ha apportato miglioramenti ai motocicli stessi, tra cui coprigambe rinforzati per fornire la massima protezione di questa parte vulnerabile del corpo e airbag laterali pensati per velocità superiori ai 50 km/h. Tutte le soluzioni sono state collaudate in modo esaustivo, il che ne ha confermato la capacità di offrire una maggiore protezione ai motociclisti.

Pronto per essere indossato

Secondo Soriano, l’equipaggiamento e le soluzioni di sicurezza sviluppati dal progetto PIONEERS sono già stati ampiamente accettati dall’industria motociclistica, compresi alcuni dei costruttori di moto e produttori di abbigliamento leader del mercato. «Il prossimo passo è quello di tradurre i nostri risultati dalla fase di prototipo a quella di commercializzazione, dove eserciteranno un impatto diretto sul miglioramento della sicurezza dei motociclisti», conclude. I ricercatori stanno ora lavorando a un ulteriore sviluppo dei metodi di collaudo che sono stati inizialmente definiti durante lo svolgimento del progetto, utilizzabili per testare nuovi miglioramenti in termini di sicurezza.

Parole chiave

PIONEERS, motociclisti, motociclo, incidenti in motociclo, motocicletta, dispositivi di protezione individuale, casco per moto

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione