Skip to main content
European Commission logo print header

Residential Retrofit assessment platform and demonstrations for near zero energy and CO2 emissions with optimum cost, health, comfort and environmental quality.

Article Category

Article available in the following languages:

Un kit di strumenti intelligente per la riqualificazione di edifici a energia quasi zero

Il tasso di ristrutturazione del parco immobiliare europeo inefficiente dal punto di vista energetico è approssimativamente dell’1 % annuo, ma deve raggiungere all’incirca il 3 % perché sia possibile conseguire la neutralità carbonica entro il 2050. ReCO2ST offre strumenti e tecnologie di supporto al processo decisionale per aiutarci a raggiungere tale obiettivo.

Cambiamento climatico e Ambiente icon Cambiamento climatico e Ambiente

Secondo il progetto sostenuto dall’UE ReCO2ST, che si è basato sui dati forniti dall’organizzazione Buildings Performance Institute Europe, nonostante il 40 % dell’uso energetico finale abbia luogo negli edifici, la maggior parte del parco immobiliare europeo è abbastanza datato: più o meno l’80 % è stato costruito prima del 1990 e il 40 % prima del 1960. Dato che in passato le normative sull’edilizia erano inesistenti o più limitate rispetto a quelle odierne, il consumo energetico è solitamente inefficiente. Per stimolare gli sforzi di ristrutturazione, ReCO2ST ha sviluppato un Pacchetto di strumenti per la valutazione della riqualificazione e un Kit modello per il business destinati al vaglio delle opzioni di ristrutturazione. «Essere in grado di sviluppare e classificare gli scenari di ristrutturazione effettuando al contempo una stima dei costi associati consente di migliorare il processo decisionale, il che rende possibile la scelta di approcci economici e ad alte prestazioni su misura per i progetti specifici», spiega Per Kvols Heiselberg, coordinatore del progetto ReCO2ST. L’approccio è già stato sperimentato con successo in vari edifici di quattro paesi.

Tecnologie di riqualificazione

Le innovative tecnologie di ristrutturazione sviluppate nel corso del progetto sono state integrate dai partner in quattro edifici residenziali situati in Danimarca, Spagna, Svizzera e Regno Unito, venendo personalizzate sulla base delle architetture e condizioni climatiche uniche di tali luoghi. «La nostra sfida non riguardava solamente il rinnovamento degli edifici affinché raggiungessero le zero emissioni, ma anche le modalità di svolgimento di tale compito, ovvero in modo economico e prendendo in considerazione aspetti edilizi legati alla salute, al comfort e all’ecocompatibilità», sottolinea Heiselberg, docente presso l’Università di Aalborg, l’organizzazione che ospita il progetto. Il progetto ReCO2ST ha concentrato l’attenzione su grandi progetti di costruzione, solitamente condomini. Le tempistiche per lo svolgimento della ristrutturazione, dall’idea iniziale al completamento, sono generalmente comprese tra i 4 e gli 8 anni, per cui non era possibile testare l’approccio integrale di ReCO2ST in un unico progetto e il team ha valutato quindi le prestazioni delle tecnologie specifiche presso i siti dei primi utilizzatori, avvalendosi successivamente di modelli di simulazione per estrapolare stime annuali. L’intera gamma delle tecnologie di riqualificazione valutate era costituita da: pannelli isolanti sottovuoto, finestre intelligenti, soluzioni basate sulla natura, fotovoltaico a concentrazione, ventilazione meccanica mediante impianti di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria (HVAC, heating ventilation and air conditioning), kit di raffreddamento evaporativo e HVAC, nonché unità di raffreddamento evaporativo e di materiale di copertura per il raffreddamento. Il progetto ha scoperto che, ad esempio, le finestre intelligenti installate negli edifici di Danimarca, Svizzera e Regno Unito rendevano possibile un significativo aumento della temperatura relativa all’aria in entrata. Le stanze dotate di finestre intelligenti hanno consentito un risparmio energetico medio pari al 39 %, migliorando al contempo la concentrazione di CO2 e l’umidità presenti al loro interno. Prendendo in esame l’edificio dimostrativo danese, il progetto ha analizzato 11 diversi scenari di ristrutturazione e quattro soluzioni di sistema energetico differenti per giungere alla conclusione che un’attenta selezione può ridurre la domanda di energia primaria di oltre il 60 %. Un approccio prototipo impiegato nell’edificio dimostrativo svizzero ha dimostrato una riduzione dell’energia primaria pari al 70 %, il che equivale a un ritorno sugli investimenti in 19 anni.

Gli strumenti di supporto

Fondamentale per il successo del progetto è stata la capacità di dimostrare la precisione degli strumenti di valutazione, nonché l’esito positivo dell’analisi di costi e benefici. «Il raffronto dei risparmi energetici previsti ed effettivi ha indicato che il nostro modello termico dinamico può essere utilizzato con fiducia durante la valutazione degli interventi pianificati», aggiunge Heiselberg. «Inoltre, in media, i costi previsti si sono avvicinati alla realtà e i costi effettivi sono stati inferiori del 5 % rispetto alle nostre stime.» ReCO2ST ha inoltre sviluppato un kit di strumenti modello per il business e un modulo finanziario allo scopo di aiutare i proprietari di edifici ad avviare misure di risparmio energetico. Il kit di strumenti, che fornisce informazioni di cruciale importanza sulla gestione e il finanziamento dei progetti di riqualificazione energetica, è stato testato con successo presso i siti di due dei primi utilizzatori. «Il nostro approccio apporta benefici per proprietari di edifici, residenti e società contribuendo a incrementare il tasso di ristrutturazione potenziale del parco immobiliare esistente sino al 3 %, la percentuale necessaria al raggiungimento della neutralità carbonica entro il 2050», conclude Heiselberg. Mentre il team del progetto continua a sviluppare i propri strumenti, a migliorare la raccolta e l’analisi dei dati e ad aumentare la facilità d’uso, anche i partner proseguono nello sfruttamento dei risultati di ReCO2ST. Groupe E e Estia, per esempio, stanno già impiegando il Pacchetto di strumenti per la valutazione della riqualificazione e il Kit modello per il business del progetto nei propri servizi destinati ai clienti.

Parole chiave

ReCO2ST, riqualificazione, ristrutturazione, edifici, energia, neutralità carbonica, simulazione, termico

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione