Skip to main content

Systemic large scale eco-innovation to advance circular economy and mineral recovery from organic waste in Europe

Article Category

Article available in the folowing languages:

Trasformare i residui organici in sostanze nutritive per le colture

In Europa è necessario passare a un’economia a zero emissioni di carbonio per ridurre l’inquinamento, affrontare la crescente limitazione delle risorse e sostenere la crescita economica. Il progetto SYSTEMIC ha selezionato e implementato tecnologie di recupero delle sostanze nutritive nel trattamento dei rifiuti organici.

Cambiamento climatico e Ambiente
Tecnologie industriali

Azoto, fosforo e potassio sono elementi essenziali per la crescita delle piante. In agricoltura, l’apporto di questi nutrienti al terreno è veicolato dai fertilizzanti. Tuttavia, oltre il 60 % di tutto il fosforo e l’azoto utilizzati nei fertilizzanti nell’UE proviene rispettivamente da fonti minerali o da processi che consumano grandi quantità di combustibili fossili, come il gas naturale.

Recupero delle sostanze nutritive dai rifiuti

Le sostanze nutritive viaggiano attraverso la catena alimentare e si trasformano in rifiuti organici: letame, fanghi di depurazione e rifiuti alimentari e agricoli. Negli ultimi anni si è assistito allo sviluppo di diverse tecnologie di recupero e riutilizzo dei nutrienti (NRR, nutrient recovery and reuse) su scala pilota. Queste tecnologie non solo promuovono l’economia circolare, ma superano anche gli effetti negativi dell’accumulo di nutrienti nel suolo, nell’aria e nell’acqua. L’obiettivo del progetto SYSTEMIC, finanziato dall’UE, è stato quello di selezionare le tecnologie più promettenti e dimostrare come possono essere implementate per la valorizzazione dei rifiuti organici in energia e prodotti verdi su larga scala. Cinque impianti di biogas in Belgio, Germania, Italia e Paesi Bassi sono stati utilizzati come impianti dimostrativi SYSTEMIC e hanno introdotto le tecnologie NRR per trattare oltre 80 000 tonnellate di biomassa in sostanze nutritive, incorporate poi in diversi tipi di prodotti finali, quali fertilizzanti organici, ammendanti e fibre organiche. «Uno dei risultati più significativi del progetto SYSTEMIC è stato lo scambio di conoscenze tra gli impianti di biogas per il recupero di sostanze nutritive e altri impianti di biogas in tutta Europa», sottolinea il coordinatore del progetto Oscar Schoumans. Le informazioni raccolte sulla gestione operativa del recupero dei nutrienti su larga scala, sulla qualità dei prodotti e sul valore agronomico sono state condivise tra i partner in un ambiente di laboratorio vivente e hanno aperto la strada a un pacchetto di sviluppo aziendale per un’economia più circolare.

Ostacoli e prospettive delle tecnologie di recupero delle sostanze nutritive

Sebbene le sostanze nutritive recuperate dai flussi di rifiuti organici e residui siano una risorsa preziosa che può essere riutilizzata in agricoltura e sostituire i fertilizzanti minerali, lavorare con i rifiuti organici è un processo complesso. Lo svantaggio principale è che si tratta di tecnologie costose e spesso con un costo maggiore rispetto allo sviluppo di prodotti a partire da materiali vergini. Pertanto, è necessario fornire maggiori incentivi per stimolare il mercato dei nutrienti recuperati verso un’industria dei fertilizzanti più circolare. Secondo Schoumans: «Il pieno potenziale del recupero e del riutilizzo di sostanze nutritive da rifiuti organici non sarà riconosciuto fino a quando i prodotti non saranno in grado di competere a livello finanziario e legislativo, superando gli altri prodotti fertilizzanti sintetici.» SYSTEMIC ha fornito conoscenze basate su evidenze relative all’efficacia delle tecnologie di recupero delle sostanze nutritive. Aspetto ancora più importante, il progetto ha dimostrato che l’implementazione di queste tecnologie su larga scala è fattibile, che funzionano e che i prodotti sono efficaci quanto i fertilizzanti convenzionali, ma più sicuri dal punto di vista ambientale. I partner hanno inserito le raccomandazioni politiche in un pacchetto di sviluppo aziendale per i gestori di impianti interessati al recupero dei nutrienti. La produzione di fertilizzanti su misura per il mercato locale è un percorso interessante e poco esplorato che può essere costruito su un processo circolare. Lo sfruttamento intelligente di rifiuti organici come fonte di materiale organico e di nutrienti non solo garantisce la sostenibilità a lungo termine dell’agricoltura dell’UE, ma riduce anche in modo sostanziale le emissioni di CO2 e la dipendenza dell’Europa da riserve di sostanze nutritive esterne e non rinnovabili.

Parole chiave

SISTEMICA, recupero di sostanze nutritive, rifiuti organici, impianto di biogas, economia circolare, fertilizzanti, fosforo, azoto, NRR, recupero e riutilizzo di sostanze nutritive

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione