Skip to main content

e-Locus: For a Larger Integration of the Individual at Workplace

Article Category

Article available in the folowing languages:

Capire il domani per le PMI di oggi

Uno dei settori d'attività più importanti è quello delle PMI (Piccole e medie imprese). Il contributo delle PMI al PIL e alla stabilità è fondamentale; sviluppare imprese che garantiscano una crescita continua e il successo è quindi molto più che vitale, è un imperativo categorico.

Economia digitale

La differente natura dei servizi, le strutture personalizzate, le gerarchie specifiche, le profonde differenze nei modi di lavorare, rendono estremamente difficile creare un pacchetto applicativo che risponda in modo uniforme alla diverse esigenze delle PMI. Tuttavia, soluzioni lavorative moderne sono necessarie e le PMI non possono più permettersi d'ignorare l'impatto significativo delle tecnologie sul modo di lavorare. In particolare, l'impatto sulla produzione, le vendite e i compiti amministrativi. Per capire i futuri potenziali sviluppi di cui le PMI avranno bisogno, un consorzio di nove centri europei ha dato vita al progetto e-Locus. Il progetto è stato lanciato per valutare il tipo d'impatto che i futuri sviluppi, previsti o imprevisti, potrebbero avere nell'arena economica. In una epoca d'informazione in rapido sviluppo, le PMI saranno obbligate ad adattarsi in modo rapido ed efficace. Il cambiamento riflette la più ampia tendenza dell'informazione a mutare la maniera in cui vengono condotti gli affari, a livello sia locale che globale. Il progetto e-Locus si è occupato di valutare il modo migliore in cui le PMI potrebbero gestire il rapido adattamento dei metodi di lavoro per massimizzare i risultati con il minimo costo. La ricerca ha mostrato che il contesto in mutazione non è più caratterizzato da aree segmentate ufficio/fabbrica/mercato ma è diventato in effetti un unicum. L'attenzione si è dunque in parte concentrata sulla maniera migliore di adattare le persone al lavoro, così da poter definire e progettare il contesto del "Nuovo ambiente di lavoro". Lo studio ha messo in luce diverse conclusioni interessanti su questo nuovo ambiente di lavoro, e ha sottolineato la necessità che le PMI siano innovative e capaci di adattarsi. Anche gli strumenti che utilizzano devono dunque essere innovativi e capaci di adattarsi. Cosa più importante, lo studio ha messo in luce l'esigenza, vista la rapida evoluzione del mercato del lavoro, di una più completa e utile copertura con simulazioni del tipo "che cosa...se" piuttosto che con scenari predefiniti. Per finire, anche se è stato ribadito che la spinta dell'informazione e delle conoscenza modella il futuro, i contorni di questo futuro restano sconosciuti. Lo studio ha comunque fornito linee di ragionamento vitali per la progettazione adattativa e flessibile e per lo sviluppo di strumenti, strategie e gestioni di lavoro.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione