Skip to main content

COMPLEMENT AND ATHEROSCLEROSIS: MOLECULAR MECHANISM OF C1 ACTIVATION BY ENZYMATICALLY MODIFIED LOW-DENSITY LIPOPROTEINS

Article Category

Article available in the folowing languages:

Intercettazione delle interazioni molecolari

L'aterosclerosi, l'indurimento delle arterie, avviene con un processo infiammatorio cronico. L'infiammazione delle arterie è causata da un accumulo di lipoproteine a bassa densità fuori dalle cellule nei vasi sanguigni e causa lo sviluppo di placche.

Salute

La struttura delle particelle di lipoproteine a bassa densità (LDL) si può alterare tramite degradazione enzimatica, aggregazione e ossidazione. Ora la ricerca indica che il complemento potrebbe avere un ruolo importante in questo processo di modifica. Il complemento, un sistema intricato di enzimi e regolatori, ha un ruolo importante nell'aiutare un organismo a difendersi dai patogeni. La proteasi C1 multimolecolare attiva il pathway del complemento e partecipa ad altre funzioni biologiche collegate grazie alle proprietà di legame della sua subunità C1q. I ricercatori hanno studiato in precedenza la capacità di LDL (E-LDL) modificate enzimaticamente di attivare C1 venendo riconosciute da C1q, suggerendo che l'attivazione del complemento da parte di E-LDL potrebbe influenzare notevolmente lo sviluppo dell'aterosclerosi. Il progetto Complement and LDL (Complement and atherosclerosis: molecular mechanism of C1 activation by enzymatically modified low-density lipoproteins) aveva lo scopo di caratterizzare i processi che consentono il riconoscimento C1q di E-LDL. Questo obiettivo si poteva raggiungere identificando le molecole che la subunità riconosce e i meccanismi che lo consentono, nonché analizzando i processi alla base dell'attivazione di C1 da parte delle E-LDL. Il progetto finanziato dall'UE ha assunto un approccio a livello molecolare e strutturale utilizzando metodi di biochimica delle proteine, studi funzionali, spettroscopia di risonanza plasmonica di superficie e cristallografia a raggi X. Tutti i risultati dello studio indicano che il legame tra C1 e E-LDL comprende il riconoscimento di C1q degli acidi grassi non esterificati generati dal trattamento di colesterolo esterasi (CEase). Grazie a questi studi i ricercatori ipotizzano che C1q potrebbe funzionare per prevenire o controllare la morte cellulare programmata (apoptosi) legandosi alle particelle E-LDL. Pertanto il potenziale di rilevare ed eliminare le cellule apoptotiche e di regolare l'apoptosi indotta da acidi grassi è una scoperta importante per ottenere maggiori informazioni sul processo di aterogenesi. I risultati del progetto Complement and LDL potrebbero quindi contribuire ai tentativi futuri di sviluppare nuove terapie contro l'aterosclerosi. La mappatura delle interazioni tra E-LDL e C1q potrebbe gettare luce su come progettare e sintetizzare le molecole in grado di modulare questa interazione e quindi come controllare o prevenire l'attivazione del complemento.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione