Skip to main content
European Commission logo print header

3D contour and strain mapping for non-destructive evaluation of engineering components

Article Category

Article available in the following languages:

Semaforo rosso per i difetti di fabbricazione

Sono state sviluppate tecniche avanzate di test non distruttivi per l'ispezione di componenti tecnici complessi, dal momento che la possibilità di scoprire i difetti nei componenti critici potrebbe ridurre l'incidenza di guasti che causano eventi catastrofici e potrebbe salvare molte vite umane;

Tecnologie industriali icon Tecnologie industriali

i requisiti sempre più rigidi di qualità e affidabilità dei prodotti, infatti, impongono l'adozione di metodologie di verifica e misurazione più efficienti. L'obiettivo del progetto Strainmap ("3D contour and strain mapping for non-destructive evaluation of engineering components"), finanziato dall'UE, era la soluzione di queste problematiche. Il progetto era finalizzato allo sviluppo di un kit di misurazione e ispezione dei componenti tecnici, con metodi ottici di mappatura tridimensionale delle sollecitazioni e dei contorni per l'esecuzione test non distruttivi e la valutazione dell'integrità strutturale. I partner hanno sviluppato nuove tecniche e nuovi algoritmi per eliminare le difficoltà nella misurazione delle deformazioni di microstrutture complesse e per migliorare la capacità di scoprire difetti in componenti costituiti da materiali metallici, compositi e polimerici. È stato ideato, inoltre, un sistema remoto per la scoperta dei difetti in ambienti difficili, ad esempio in presenza di radiazioni. Grazie a un nuovo sistema di elaborazione digitale delle immagini, la precisione delle misurazioni ha registrato un netto miglioramento rispetto ai metodi convenzionali. Come ulteriore successo del progetto Strainmap è stato dimostrato un nuovo metodo ottico per ottenere mappe tridimensionali dei contorni delle superfici. La tecnica può essere applicata alla misurazione 3D di oggetti sotto deformazione dinamica con una vasta gamma dimensionale, dalla macro al microscala. È stato sviluppato, inoltre, un sistema per l'esecuzione di test rapidi non distruttivi e di analisi delle sollecitazioni residue dei materiali trasparenti. Questo nuovo sistema può essere impiegato per scoprire determinati tipi di difetti di elementi in vetro, ad esempio bolle, graffi e impurità, e può essere utilizzato anche per l'analisi delle sollecitazioni residue nei materiali trasparenti. Attualmente si sta valutando l'opportunità di brevettare questa tecnica.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione