Skip to main content

Support of Public and Industrial Research using Ion Beam Technology

Article Category

Article available in the folowing languages:

Aumentare l’impatto delle infrastrutture che utilizzano fasci di ioni

L’utilizzo dei fasci ionici per lo studio e la modifica dei materiali ha trovato larga applicazione in numerosi settori. Il primo consorzio europeo multinazionale per l’accesso transnazionale (TNA) agli impianti ha fornito un enorme stimolo a questa iniziativa generando risultati sorprendenti.

Tecnologie industriali

Undici importanti strutture che utilizzano fasci ionici si sono riunite per favorire l’accesso degli utenti e migliorare la qualità delle attività di ricerca. Grazie al finanziamento dell’UE del progetto SPIRIT (“Support of public and industrial research using ion beam technology”), i partner hanno collaborato e cooperato nell’ambito del consorzio e al suo esterno, grazie a progetti di attività di ricerca congiunta (JRA) e di accesso transnazionale (TNA). Per favorire lo spirito di partecipazione alla rete di contatti, è stato lanciato un sito web contenente tutte le informazioni sul progetto. Sono stati quindi ampiamente distribuiti materiali informativi tra cui brochure, volantini e newsletter sull’iniziativa SPIRIT insieme a uno speciale opuscolo per le applicazioni mediche e a tre volantini per applicazioni industriali specifiche delle tecnologie ioniche. Workshop, esercitazioni e un programma di scambio del personale tecnico hanno presentato tutte le informazioni e portato a corsi di formazione pratica. L’introduzione delle tecnologie nel mondo industriale rappresentava un importante traguardo da raggiungere. Sono state quindi organizzate tre giornate industriali e il circa 30 % del tempo di emissione dei fasci ionici è stato impiegato dai beneficiari dell’iniziativa SPIRIT fortemente coinvolti nel settore di ricerca e sviluppo e dei servizi industriali. Prima della chiusura dei lavori, sono state fondate tre aziende spin-off presso altrettante infrastrutture. I partner dell’iniziativa sono specializzati in aree altamente complementari. Le attività di accesso transnazionale sono state incentrate sulla modifica e l’analisi delle superfici, delle interfacce, dei film sottili e dei sistemi nanostrutturati che rappresentano elementi importanti per la scienza dei materiali, la biomedicina e la ricerca e la tecnologia sul piano ambientale, nonché la fisica nucleare e l’astrofisica, la scienza forense e il patrimonio culturale. Le iniziative JRA hanno permesso di aggiornare numerose infrastrutture e realizzare nuovi esperimenti. Sono state costruiti e/o sviluppati nuove linee e stazioni finali di fasci e nuovi rilevatori innovativi con maggiore efficienza di rilevazione, durezza delle radiazioni e risoluzione spaziale. L’imaging, l’analisi e la mappatura molecolare tramite fasci ionici sono stati dimostrati con variazioni sulla spettroscopia basata su emissioni di raggi X indotte da fotoni. Nel complesso, le attività del progetto SPIRIT hanno portato a più di 100 articoli in prestigiose pubblicazioni sottoposte a revisione paritetica. Grazie all’implementazione di un piano particolarmente attento alle problematiche di genere, circa la metà di tutto il personale assunto da SPIRIT e un terzo dei ricercatori titolari delle proposte TNA è costituito da donne. Nell’ambito del progetto SPIRIT è stato realizzato il primo consorzio multinazionale europeo per l’utilizzo transnazionale delle tecnologie ioniche nel settore di ricerca e sviluppo sia sul piano pubblico che sul piano industriale. L’iniziativa ha reso possibile un accesso più agevole alle strutture e una ricerca di maggiore qualità, basata sulla condivisione delle esperienze e sull’ammodernamento delle infrastrutture. La cooperazione tra il settore pubblico e quello industriale può determinare meccanismi di interazione virtuosi in numerosi campi emergenti.

Parole chiave

Accesso transnazionale, tecnologia del fascio ionico, applicazioni biomediche, infrastrutture, analisi del fascio ionico, modifica del fascio ionico, patrimonio culturale, scienza forense, studi ambientali

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione