Skip to main content

Platform for European Medical Support during major emergencies

Article Category

Article available in the folowing languages:

Una nuova piattaforma aggiorna gli interventi di emergenza

Il collegamento dei servizi di emergenza sotto un’unica piattaforma può essere cruciale nel preservare i mezzi di sussistenza e salvare vite umane in caso di disastri.

Sicurezza
Salute

L’Europa ha sviluppato un sistema di intervento di emergenza degno di nota, il quale può entrare in azione in caso di minacce quali pandemie e attacchi terroristici. Riunire insieme ospedali, servizi di emergenza, primi soccorritori, volontari e altri soggetti interessati, sotto un’unica piattaforma ad alta tecnologia in tutto il continente, potrebbe facilitare questo sforzo. Il progetto PULSE (Platform for European medical support during major emergencies), finanziato dall’UE, ha lavorato sul rafforzamento della resilienza alle minacce attraverso una innovativa piattaforma con nuovi e potenti strumenti, materiali per la formazione e approcci. Tale piattaforma prevede un sistema per armonizzare e colmare le lacune nelle attuali procedure di supporto decisionale e di intervento. Ciò ha incluso la promozione dell’interoperabilità per i meccanismi di risposta comuni europei, migliorando la consapevolezza situazionale e la previsione, e ottimizzando la logistica. Per raggiungere questo obiettivo, il team del progetto ha creato la piattaforma PULSE, comprendente vari moduli e componenti software all’interno di un’architettura basata sui servizi. La piattaforma vanta strumenti di supporto alle decisioni e convalida, analisi dell’intelligence, logistica, generazione di capacità di intervento, formazione, valutazione post-crisi, modellizzazione di eventi biologici e un’applicazione per smartphone. Due importanti caratteristiche della piattaforma riguardano la sua facile integrazione con i sistemi esterni e la HealthMap. Quest’ultima combina fonti di dati come per esempio notizie, testimonianze oculari e rapporti ufficiali, al fine di mappare con precisione l’emergere e il diffondersi di malattie infettive. Si attendono svariati vantaggi, una volta che la piattaforma verrà messa online, tra cui un migliore monitoraggio degli indicatori, primi piani di emergenza in loco, e rapido soccorso e trattamento in caso di calamità. Una volta che il sistema sarà pienamente operativo, si potrà assistere a dei miglioramenti in fatto di condivisione transfrontaliera e coordinamento delle risorse, utilizzo delle capacità ospedaliere e allineamento senza soluzione di continuità con le ONG. La piattaforma è stata testata con successo nella regione Lazio, dove ancora fornisce accesso in tempo reale ai coordinatori di emergenza, i quali possono monitorare le capacità ospedaliere e altri dati cruciali. In aggiunta, due scenari di prova europei sono stati realizzati per valutare la preparazione, uno per una malattia virale emergente in Italia e l’altro per disastri con gran numero di vittime e feriti (folle presenti negli stadi) in Irlanda. Il progetto PULSE ha diffuso la sua ricerca e le proposte alle parti interessate, oltre a dare un impulso per lo sfruttamento della piattaforma. Se il sistema verrà attuato appieno, come è stato concepito, potrebbe migliorare in modo significativo la preparazione sanitaria e la resilienza in tutto il continente, a fronte di disastri naturali o generati dall’uomo.

Parole chiave

Intervento di emergenza, PULSE, supporto medico, valutazione delle crisi, HealthMap

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione