Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

La ferrovia cambia: progettare il futuro dei viaggi in treno

Un gruppo di ricercatori finanziati dall’UE ha appena cominciato a lavorare a tre interessanti progetti che potrebbero determinare il modo in cui si viaggerà in treno nei prossimi anni.

L’aumento del traffico, la congestione, la sicurezza della fornitura energetica e i cambiamenti climatici sono solo alcuni dei molti problemi che assillano l’UE in questo momento. Per affrontare adeguatamente questi problemi, il settore ferroviario deve modernizzarsi e assorbire una porzione più grande della richiesta di trasporto nei prossimi decenni. A questo fine, a maggio 2015 sono stati lanciati tre progetti di Orizzonte 2020, con lo scopo di rendere il settore dei trasporti del XXI secolo il più responsabile possibile dal punto di vista ambientale, incentrato sui cittadini e competitivo a livello globale. Questi tre schemi – ROLL2RAIL, IT2RAIL e IN2RAIL – si concentrano su aspetti diversi del miglioramento dell’infrastruttura ferroviaria e confluiranno nella strategia generale dell’UE per arrivare a un trasporto sostenibile che sia adatto allo scopo. Il primo di questi schemi è ROLL2RAIL, un progetto da 16 milioni di euro il cui obiettivo è sviluppare importanti tecnologie che permetteranno di rivoluzionare la progettazione dei treni del futuro. ROLL2RAIL valuterà nuovi modi di aumentare la capacità della ferrovia e ridurre i costi del ciclo vitale sia dei veicoli che dei binari. Più in particolare, l’equipe del progetto esaminerà una nuova tecnologia di trazione che potrebbe avere come risultato una maggiore efficienza energetica e meno rumore. Anche i materiali compositi leggeri potrebbero contribuire e a ridurre il peso. Il progetto IT2RAIL da 12 milioni di euro si propone di assicurare che i viaggi a lunga distanza che associano treni, autobus e aerei siano coordinati meglio. Questo avverrà mediante l’integrazione di servizi di viaggio e tecnologie digitali e portando avanti un quadro aperto basato sul web per incoraggiare l’interoperabilità a pieno servizio. IT2RAIL incoraggerà inoltre innovazioni delle applicazioni online, garantendo il miglioramento costante e l’auto-sostenibilità dei servizi elettronici nel lungo termine. Infine, il progetto IN2RAIL da 18 milioni di euro si propone di gettare le basi per una rete ferroviaria europea forte, coerente, economica, ad alta capacità e digitalizzata. Saranno esaminate tecnologie innovative per assicurare che le questioni riguardanti la gestione delle infrastrutture, la manutenzione, il consumo di energia e l’ingegneria siano completamente integrate, ottimizzate e condivise. Saranno studiati sistemi di gestione del traffico automatici, interoperabili e interconnessi e nuove soluzioni di alimentazione elettrica delle ferrovie e di gestione dell’energia. I risultati dei tre progetti saranno infine inseriti nell’Impresa comune SHIFT2RAIL, un nuovo partenariato pubblico-privato istituito nell’ambito di Orizzonte 2020. Lo scopo di questa impresa comune (IC) è costituire una piattaforma per attività di ricerca coordinate, allo scopo di spingere l’innovazione nel settore ferroviario nei prossimi anni. La logica dell’istituzione di una IC è che riunendo e coordinando le attività di ricerca e innovazione a livello dell’UE ci sono maggiori probabilità di successo. Questo perché l’infrastruttura e le tecnologie da sviluppare a sostegno dello spazio ferroviario europeo unico sono internazionali di natura e c’è bisogno di realizzare una grande massa di risorse. Si prevede che SHIFT2RAIL contribuirà a ridurre il costo del ciclo vitale del trasporto ferroviario di ben il 50 %, a raddoppiare la capacità della ferrovia e a renderla più affidabile e puntuale del 50 %. L’IC SHIFT2RAIL gestirà l’intero budget per la ricerca ferroviaria di Orizzonte 2020, che ammonterà a un massimo di 450 milioni di euro. Per ulteriori informazioni, visitare: SHIFT2RAIL http://www.shift2rail.org/

Paesi

Belgio, Regno Unito

Articoli correlati