Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

La storia del cambiamento tecnologico e delle reti transnazionali

Nell’ambito di un’iniziativa dell’UE è stato ideato un nuovo metodo di ricerca sulla circolazione delle conoscenze e sul cambiamento tecnologico che hanno interessato gli albori dell’Europa moderna. L’attenzione dei ricercatori è stata rivolta principalmente alla diffusione della maiolica (terracotta a invetriatura stannifera decorata) in Europa centro-orientale nel contesto della migrazione degli anabattisti.

Tecnologie industriali

Il progetto TRANSTEC (Transnational networking, knowledge circulation and technological change in early modern east central Europe. The case of Hutterite artisans (c.1560-1720)) ha tentato di capire in che modo i vari modelli di reti transnazionali hanno influenzato l’innovazione tecnologica. Attingendo agli aspetti sociologici del cambiamento socio-tecnologico, la ricerca si è interrogata su ciò che conduce una rete a raggiungere la produttività e che trasforma i legami transnazionali di tipo non economico in fonte di cambiamento tecnologico. I lavori, che sono stati incentrati sul reperimento di fonti testuali e materiali, hanno condotto alla nascita di una combinazione innovativa tra le storie della religione e la cultura materiale elevata. Nell’ambito dell’iniziativa TRANSTEC è stato creato un database contenente informazioni sugli anabattisti moravi, ungheresi e della Transilvania. Il gruppo di lavoro ha raccolto dati ricavati dai documenti degli hutteriti (denominati comunemente cronache) e da altri documenti sulla vita di questa comunità nel periodo di riferimento. Gli hutteriti, gruppo etnoreligioso e ramo comunitario degli anabattisti, hanno avviato la produzione di maiolica nel XVI secolo. Il database, che ha aiutato gli esperti a identificare i vari individui oggetto di studio, consente anche di individuare una serie di collegamenti tra la diffusione/il cambiamento tecnico e la circolazione. Un aspetto importante del lavoro consisteva nell’identificazione e nell’analisi dei modelli di diffusione. Altre attività progettuali prevedevano corsi di formazione e percorsi di ampliamento e di potenziamento dell’esperienza di ricerca interdisciplinare e internazionale. Basati inizialmente su un approccio incentrato sulla storia sociale locale, i lavori di ricerca e le pubblicazioni si sono successivamente evoluti occupandosi di aspetti transnazionali e dinamici della storia delle minoranze religiose e della tecnologia. Grande attenzione è stata posta sull’utilizzo di materiali di origine italiana e sulle abilità di lettura dei manoscritti italiani del XVI e del XVII secolo. L’impegno dei ricercatori su temi quali diaspora, minoranze religiose, tolleranza religiosa e cultura materiale e consumistica, si allinea perfettamente con i problemi della società contemporanea. La ricerca e i risultati dell’iniziativa TRANSTEC contribuiscono ad alimentare il dialogo tra l’Europa orientale e occidentale sulla storia della tecnologia.

Parole chiave

Cambiamento tecnologico, reti transnazionali, maiolica, anabattista, TRANSTEC

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione