Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Un’innovazione rivoluzionaria nei sistemi di riscaldamento a pavimento

Una nuova concezione di riscaldamento a pavimento, veloce da installare e che richiede un intervento minimo, dovrebbe conquistare gli operatori edili e i proprietari di case.

Tecnologie industriali

Il riscaldamento e il raffreddamento installati in edifici e industrie rappresentano la metà del consumo energetico dell’UE. Il 79 % del consumo energetico totale di una famiglia media è dovuto al riscaldamento e alla produzione di acqua calda. La crescente consapevolezza rispetto all’ambiente e ai costi ha sollecitato il settore edilizio, gli architetti e i proprietari di casa a ricercare metodi più efficienti di riscaldamento. Negli ultimi anni, il riscaldamento a pavimento è emerso come soluzione praticabile. «Potendo disporre di una superficie maggiore per distribuire il riscaldamento è possibile riscaldare a temperature inferiori», spiega Fausto Bocciolone, coordinatore del progetto e direttore tecnico presso HEATILE, in Italia. «E la superficie più efficiente per questo scopo è il pavimento». Riscaldare a temperature inferiori implica emissioni ridotte e bollette energetiche più basse. Da un punto di vista progettuale, il riscaldamento a pavimento consente agli architetti di fare a meno dei radiatori, ottenendo più spazio da gestire.

Ripensare il riscaldamento a pavimento

Tuttavia, uno svantaggio fondamentale è rappresentato dal fatto che l’installazione e la manutenzione richiedono ancora interventi significativi. L’infrastruttura esistente del pavimento e del riscaldamento deve essere asportata, vanno installati nuovi tubi del riscaldamento e deve essere colato il cemento. Tutto ciò può risultare costoso, distruttivo e scoraggiante per i potenziali clienti. Il progetto HEATILE, finanziato dall’UE e coordinato da KEOKI, in Svizzera, è stato determinante per portare sul mercato un sistema di riscaldamento a pavimento volto ad affrontare queste sfide. I pannelli prefabbricati e riciclabili sono progettati per una facile installazione ed eliminano anche la necessità di lavori di demolizione invasivi e costosi interventi di ristrutturazione. «Per raggiungere lo scopo, abbiamo sviluppato il sistema a pavimento più sottile al mondo», aggiunge Bocciolone. «I nostri pannelli hanno uno spessore di soli 13 mm, rispetto allo spessore minimo di 2,5 cm della maggior parte dei pannelli di riscaldamento da pavimento. Ciò significa che è possibile posizionare i nostri pannelli sui pavimenti esistenti, senza operazioni di scavo in casa». Tuttavia, il settore edilizio può rivelarsi resistente al cambiamento e alle nuove idee. Un obiettivo centrale del progetto è stato quello di aiutare l’azienda a persuadere architetti e impresari dei vantaggi di questa concezione. «Si tratta di un nuovo modo di installare il riscaldamento a pavimento», afferma Bocciolone. «Anziché coinvolgere idraulici, muratori e imbianchini per la ristrutturazione di una casa, il lavoro impegnativo è già stato svolto in fabbrica». In loco, i pannelli devono semplicemente essere inseriti al loro posto e questo significa che l’installazione può essere eseguita in poche ore, invece che in giorni. Rendere più veloce l’installazione del riscaldamento a pavimento può aiutare il settore a raggiungere maggiore efficienza in termini di costi. «La nostra è una start-up, quindi questo progetto è stato estremamente importante per elevare il nostro profilo e ottenere la fiducia degli operatori del settore edile», osserva Bocciolone.

Nuove opportunità commerciali

Sono stati condotti anche studi di marketing. Questi hanno contribuito a convincere l’azienda dell’interesse e dell’entusiasmo notevoli rispetto all’idea di HEATILE. Inoltre, i risultati hanno aperto la strada a nuove potenziali opportunità commerciali. «Stiamo pensando di espandere la nostra concezione a bar e ristoranti all’aperto», afferma Bocciolone. «Abbiamo condotto un progetto pilota in un bar di Milano». Tra gli altri potenziali clienti ci sono spa e piscine, oltre a edifici industriali con ampi spazi da riscaldare». Inoltre, l’azienda sta cercando di sviluppare un prodotto che integri una finitura in legno nella parte superiore. Questo significa che una volta installato il pannello di riscaldamento, non ci sono altri lavori da fare. È in fase di sviluppo anche un sistema modulare di pannelli riscaldanti per le pareti. «Il progetto dell’UE ci ha aiutati ad analizzare il potenziale di ognuno di questi settori», aggiunge. «In termini di sviluppo e ingegneria, c’è un enorme lavoro da fare in ognuna di queste aree. È stato davvero importante avere questo supporto».

Parole chiave

HEATILE, riscaldamento, a pavimento, energia, industriale, edilizia, emissioni, demolizioni

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione