Skip to main content

Rheological Monitoring of Chronic Respiratory Diseases

Article Category

Article available in the folowing languages:

La scienza che collega le creme al cioccolato e la tosse cronica

Un nuovo test basato sulla viscosità dell’espettorato può dire ai pazienti con bronchite cronica quando è necessaria una visita in ospedale.

Salute

Le malattie respiratorie, tra cui l’asma, la fibrosi cistica, la polmonite e la broncopneumopatia cronica ostruttiva, sono una delle principali cause di morbilità in Europa. Oltre il 4 % dei cittadini dell’UE convive con una malattia respiratoria cronica e, insieme, queste malattie rappresentano il 7,5 % di tutte le morti. I pazienti spesso soffrono di episodi acuti che richiedono ricovero e cure d’urgenza, il cui costo è di circa 24 000 euro per episodio. Il progetto RheoCare, finanziato dall’UE, ha cercato di sviluppare un test diagnostico in grado di ridurre al minimo questi ricoveri prevedendo gli episodi acuti in modo più accurato. «I pazienti che soffrono di bronchite cronica producono una grande quantità di muco, a causa di infezioni virali o batteriche», spiega Jeremy Patarin, coordinatore del progetto RheoCare. «E a un certo punto, questo potrebbe bloccare i polmoni». La soluzione prevede il trattamento ospedaliero con antibiotici o corticosteroidi, ma esistono validi motivi per ridurlo al minimo. I pazienti potrebbero infatti sviluppare infezioni resistenti ai farmaci, mentre l’uso a lungo termine di corticosteroidi smorza la risposta immunitaria, portando potenzialmente ad altre infezioni e al diabete.

Cioccolato, cosmetici e tosse

«Sappiamo che, dopo un certo punto, la tosse o il trasporto cellulare non sono più efficaci per liberare i polmoni», afferma Patarin. «Ma attualmente, la decisione di quando ricoverare un paziente si basa solo sui sintomi clinici; non esiste nulla per valutare realmente i pazienti in modo qualitativo e oggettivo». Ed è qui che la reologia, lo studio del flusso della materia, può aiutare. Il progetto RheoCare è stato ospitato da Rheonova. L’azienda offre servizi che valutano la qualità di ogni cosa, dal cioccolato ai cosmetici e al petrolio, studiando le proprietà fisiche di questi fluidi. Rheomuco è un dispositivo in grado di misurare la viscosità del muco espulso per identificare quando un paziente deve essere indirizzato in ospedale. «Il nostro obiettivo è trattare le persone in modo più preciso», osserva Patarin. «I pazienti con malattie respiratorie croniche potrebbero essere ricoverati in ospedale due o tre volte l’anno, con ogni visita che dura dai 10 ai 15 giorni, quindi è un costo enorme». Attualmente il dispositivo Rheomuco è utilizzato negli ospedali come strumento di ricerca e non può essere impiegato per uso diagnostico. Per renderlo disponibile ai pazienti per l’utilizzo a domicilio, il dispositivo deve essere riprogettato e deve superare gli ostacoli normativi.

Comprimersi, ed espandersi

Il progetto è stato sostenuto dal programma Orizzonte 2020. «I finanziamenti per RheoCare ci hanno preparato per il lavoro di miniaturizzazione di cui abbiamo bisogno per realizzare il dispositivo per l’assistenza domiciliare e ci hanno anche dato spazio per pensare a come accedere al mercato», aggiunge Patarin. Patarin afferma che, grazie alla sovvenzione, l’azienda è stata in grado di collaborare con altri due gruppi per lavorare sulla miniaturizzazione del dispositivo e di capire per quali malattie e indicazioni vuole che sia approvato il dispositivo. «A seconda del paese e del sistema sanitario, il panorama è molto diverso», spiega Patarin. «Alcuni paesi stanno spostando le cure negli ospedali, altri si stanno muovendo verso un modello remoto; abbiamo bisogno di qualcosa che possa prendere di mira tutti questi casi». Ora Rheonova intende stabilirsi in un paese al di fuori della Francia e rivolgersi a quel mercato locale. Prevede inoltre di raccogliere fondi attraverso un ulteriore ciclo di investimenti per realizzare questi piani. Alla domanda su cosa lo abbia spinto a lavorare al progetto, Patarin, presidente di Rheonova, lo ha descritto come: «Un buon mix di scienza, progettazione di un dispositivo di facile utilizzo ed erogazione di un grande supporto per i pazienti».

Parole chiave

RheoCare, Rheomuco, respiratorio, malattia, cronica, tosse, espettorato, cistica, fibrosi, viscosità, diagnostica

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione