Skip to main content

Biological analysis of soils and advanced data analytics for precision agriculture maps

Article Category

Article available in the folowing languages:

Uno strumento di agricoltura di precisione che permette agli agricoltori di misurare l’attività biologica del terreno

Una nuova tecnologia permette agli agricoltori di vedere quali microrganismi sono presenti in un particolare tipo di terreno e di adattare le proprie risorse di conseguenza.

Alimenti e Risorse naturali

Si prevede che la popolazione globale raggiungerà 9,8 miliardi di persone entro il 2050, un aumento del 25 % rispetto a oggi. Per sfamarla, la società dovrà raddoppiare il livello attuale di produzione alimentare: è qui che entra in gioco l’agricoltura di precisione. «L’agricoltura di precisione usa le nuove tecnologie per osservare, misurare e rispondere alla variabilità delle colture», afferma Jorge Blanco, direttore di ricerca e sviluppo presso Greenfield Technologies, un’azienda agritech spagnola. «L’obiettivo è aumentare la resa e la redditività delle colture, riducendo contemporaneamente il livello di risorse necessarie per la loro crescita». Nonostante l’agricoltura di precisione abbia un grande potenziale, Blanco afferma che la sua diffusione è ostacolata dall’ignoranza generale riguardo l’importanza di una variabilità del terreno adatta. «La tessitura del terreno, il contenuto di acqua, il livello di pH e le proprietà biologiche: tutti questi elementi incidono sull’irrigazione, oltre che sulle sementi e i fertilizzanti impiegati», spiega. «La campionatura attualmente usata è basata sulla soggettività e le tecniche di analisi richiedono campioni di terreno di grandi dimensioni. Per questo motivo si tratta di procedure estremamente inefficienti». Per colmare tale lacuna, Greenfield Technologies ha sviluppato BIOMAP2SOIL (Biological analysis of soils and advanced data analytics for precision agriculture maps), un nuovo metodo per la misurazione della variabilità fisica, chimica e biologica in base a una campionatura del terreno oggettiva. «Grazie a queste misurazioni, la nostra soluzione produce mappe del terreno e fornisce agli agricoltori consigli pratici per un’irrigazione e una gestione delle colture efficienti», aggiunge Blanco. Con il sostegno dei finanziamenti dell’UE, Greenfield Technologies ha potuto sviluppare, collaudare e portare sul mercato la propria soluzione innovativa, BIOMAP2SOIL.

Esaminare l’attività biologica nel terreno

BIOMAP2SOIL è stato sviluppato a partire dalla soluzione precedentemente creata dall’azienda, MAP2SOIL. Il nuovo metodo impiega un sensore in grado di misurare la conduttività elettrica apparente a differenti profondità nel terreno, collegato a un trattore e trasportato attraverso l’intera azienda agricola per raccogliere i dati. Questi vengono poi analizzati ed elaborati per creare mappe che mostrino i vari parametri dei differenti tipi di terreno riscontrati in un medesimo appezzamento. «Anche se nell’azienda agricola sono presenti tipologie di terreno molto diverse fra loro, ogni sua parte viene generalmente trattata allo stesso modo», osserva Blanco. «Le soluzioni di agricoltura di precisione come MAP2SOIL permettono di gestire tipi di terreno diversi in maniera distinta e più efficiente». BIOMAP2SOIL fa compiere a tale processo il passo successivo, misurando non solo le caratteristiche fisico-chimiche del terreno, ma anche la sua attività biologica. «Riteniamo che conoscere lo stato di salute di un terreno e la sua variabilità all’interno della medesima azienda agricola sia tanto importante quanto conoscerne la composizione», aggiunge Blanco. Per raggiungere questo obiettivo il lavoro di BIOMAP2SOIL si concentra, in sostanza, sull’osservazione del terreno, per comprendere quali attività biologiche avvengano al suo interno. «Il terreno è ricco di microrganismi, alcuni patogeni, altri benefici per la crescita delle colture», spiega. La soluzione BIOMAP2SOIL concentra l’attenzione sulla presenza dei rizobatteri promotori della crescita delle piante (Plant Growth-Promoting Rhizobacteria o PGPR), organismi in grado di aumentare la crescita della pianta e di stimolarne il sistema immunitario. «Analizzando la presenza di patogeni o di PGPR prima di piantare le colture, BIOMAP2SOIL aiuta gli agricoltori a sfruttare le risorse a disposizione nel modo più efficiente possibile», afferma Blanco.

Un passo nella giusta direzione

Con il sostegno dei finanziamenti dell’UE, Greenfield Technologies ha convalidato con successo l’uso di BIOMAP2SOIL in contesti reali. L’azienda ha inoltre svolto un’analisi competitiva approfondita, si è assicurata i brevetti necessari e ha sviluppato una strategia completa per il lancio di BIOMAP2SOIL sul mercato internazionale. «C’è ancora molta strada da fare per incrementare la produzione alimentare globale a un livello tale da rispondere alle necessità di una popolazione in crescita», conclude Blanco. «Soluzioni di agricoltura di precisione come BIOMAP2SOIL rappresentano un importante passo nella giusta direzione».

Parole chiave

BIOMAP2SOIL, agricoltura di precisione, agricoltori, azienda agricola, terreno, produzione alimentare, variabilità delle colture, agritech, colture, rese agricole

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione