Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Un supercalcolo al servizio dei tifosi di calcio del Barcelona

Un progetto, finanziato dall’UE, sta sviluppando un gemello digitale dello stadio di casa del FC Barcelona. L’obiettivo: un’esperienza migliore e più sicura per i tifosi del Barça.

Economia digitale

Il Centro di supercalcolo di Barcellona, che ospita uno dei supercomputer europei più potenti, sta costruendo un gemello digitale dello stadio di calcio Camp Nou del FC Barcelona. L’architettura innovativa renderà possibile l’analisi e la previsione del flusso di folle numerose all’interno e all’esterno dello stadio, non solo durante il normale funzionamento ma anche durante lo svolgimento di progetti edilizi e di manutenzione. Tale tentativo si inserisce nell’ambito del progetto IoTwins, finanziato dall’UE, che sta realizzando una piattaforma tecnologica da utilizzare nello sviluppo e nell’impiego di gemelli digitali distribuiti e dotati di tecnologia edge per la produzione di impianti e strutture su larga scala.

Simulare i movimenti dei tifosi

La prima fase dei risultati del progetto è stata trattata presso il congresso Sports Tomorrow organizzato dal Barça Innovation Hub dal 9 al 20 novembre. «Tutte le informazioni generate dai tifosi durante la propria esperienza nello stadio vengono inserite nel gemello [digitale del Camp Nou]», secondo un articolo relativo al congresso pubblicato sul sito web del Barça Innovation Hub. «Grazie a mesi di dati raccolti, gli algoritmi possono distinguere diversi profili di tifosi e, a seconda di quale sia la squadra ospite, oltre alle previsioni meteo e della partita, prevedere il comportamento di migliaia di persone». L’obiettivo consiste nell’ottenere informazioni chiare sul comportamento dei tifosi prima e dopo una partita al fine di rafforzare la loro sicurezza, migliorare la loro esperienza complessiva e promuovere un migliore utilizzo delle aree commerciali. Inoltre, ciò contribuirà al processo decisionale relativo al flusso di attrezzature e operai durante le fasi di edilizia e di manutenzione. Nel corso del congresso, Francesco Millo di Bonfiglioli Riduttori, coordinatore italiano del progetto, ha fornito la sua valutazione dello stato attuale della trasformazione digitale a livello mondiale. Come osservato nel medesimo articolo, Millo ha concluso affermando che «al fine di innovare, sono essenziali i partenariati tra imprese provenienti da diversi settori», un esempio eccellente di tale sodalizio è il partenariato tra il Centro di supercalcolo di Barcellona e il FC Barcelona.

Simulazioni nell’era della Covid-19

Il gemello digitale del Camp Nou, la cui costruzione è già in corso, è basato sulla tecnologia Pandora sviluppata presso il Centro di supercalcolo di Barcellona. Per agevolare la gestione della folla dopo che le autorità avranno permesso ai visitatori di ritornare nello stadio, il team del progetto sta «incorporando un modello di trasmissione della Covid-19 all’interno delle simulazioni», riferisce un articolo pubblicato sul sito web del FC Barcelona, partner del progetto. Tale modello «consentirebbe l’analisi di diverse modalità per regolare l’accesso dei tifosi allo stadio, verificando quale si adatta meglio alle misure di sicurezza: il distanziamento sociale e la restrizione della capienza», prosegue l’articolo. Il progetto IoTwins (Distributed Digital Twins for industrial SMEs: a big-data platform) è volto a promuovere la diffusione delle tecnologie relative all’Industria 4.0 al fine di ottimizzare i processi e di valorizzare la produttività, la sicurezza e un impatto ambientale positivo. Il progetto, della durata di tre anni, si concluderà nel 2022. Per ulteriori informazioni, consultare: sito web del progetto IoTwins

Parole chiave

IoTwins, gemello digitale, stadio, Barcellona, tifoso, Centro di supercalcolo di Barcellona

Articoli correlati