Skip to main content

Foraging Behavior in children: A new way to understand attentional development

Article Category

Article available in the folowing languages:

I giochi fanno luce su come si sviluppano le capacità cognitive

Attraverso l’uso di videogiochi divertenti che implicano attività di foraggiamento, alcuni ricercatori ottengono un quadro completo dell’abilità di un bambino di pianificare e risolvere problemi e di come tali capacità si sviluppano in diverse età.

Ricerca di base
Salute

Le funzioni esecutive sono ciò che ci consente di pianificare, organizzare, fissare obiettivi, prendere decisioni, risolvere problemi e prestare attenzione. Sebbene queste capacità siano essenziali per la nostra abilità di agire in modo indipendente, non nasciamo con esse. Devono invece svilupparsi, in un processo che inizia quando siamo bambini. «Purtroppo, sappiamo ancora poco su come i bambini sviluppano le loro funzioni esecutive», afferma Beatriz Gil-Gómez de Liaño, professoressa associata presso l’Università autonoma di Madrid. Con il supporto del progetto FORAGEKID, finanziato dall’UE, e in collaborazione con Jeremy Wolfe, professore presso il BWH-Harvard Medical, e Fernando Maestú, professore presso la Università Complutense di Madrid, Gil-Gómez de Liaño sta lavorando per contribuire a colmare questa lacuna di conoscenze. Al centro dei suoi sforzi c’è il foraggiamento, un tipo specifico di attività di ricerca visiva che i bambini utilizzano spesso, ad esempio, allo scopo di cercare mattoncini Lego per realizzare una struttura. «Coinvolgendo diverse capacità esecutive all’interno di una singola attività, il foraggiamento potrebbe servire come mezzo per valutare la funzione esecutiva complessiva di un bambino», spiega. La ricerca di Gil-Gómez de Liaño è stata intrapresa con il supporto del programma di azioni Marie Skłodowska-Curie.

Integrare attività di foraggiamento nei videogiochi

Tradizionalmente, la funzione esecutiva nei bambini è stata testata utilizzando, tra l’altro, attività di ricerca visiva standard sviluppate per gli adulti. «Dal punto di vista di un bambino, queste attività sono noiose», aggiunge. «Invece di valutare accuratamente l’effettiva funzione esecutiva di un bambino, queste attività più spesso ne mettono alla prova la pazienza.» Gil-Gómez de Liaño ha invece deciso di adottare un approccio diverso. «Abbiamo sviluppato videogiochi ibridi divertenti che integrano attività di foraggiamento come mezzo per testare la funzione esecutiva», osserva. Secondo Gil-Gómez de Liaño, un gioco richiede ai bambini di cercare e trovare giocattoli famosi in una giungla di cartoni animati, mentre un altro prevede che i giocatori prendano decisioni su diverse forme colorate. «I bambini adorano queste attività divertenti», aggiunge. Naturalmente questi videogiochi sono molto più del semplice divertimento: sono progettati per fornire ai ricercatori nuove intuizioni sullo sviluppo cognitivo. «Questi giochi ci hanno fornito un quadro piuttosto completo delle funzioni esecutive e di come si sviluppano a diverse età e livelli di abilità cognitive», osserva Gil-Gómez de Liaño. Ad esempio, il progetto ha confermato che le attività di foraggiamento possono aiutare i ricercatori a comprendere i tipici processi di attenzione e controllo, insieme al processo decisionale, alla flessibilità cognitiva, all’uso di strategie cognitive e al processo della memoria di lavoro. I giochi hanno anche dimostrato che la funzione esecutiva nei bambini è molto più avanzata di quanto si pensasse. «Il gioco del foraggiamento consente ai bambini piccoli di utilizzare le loro capacità di attenzione in un modo più adattato, il che significa che sono più in grado di concentrarsi sull’attività da svolgere», afferma. «Ciò è importante perché dimostra che hanno il potenziale per addestrare queste funzioni per l’uso in altri contesti.»

Insegnare funzioni esecutive

I giochi di foraggiamento hanno anche il potenziale per contribuire a insegnare funzioni esecutive. Secondo Gil-Gómez de Liaño, ciò potrebbe rivelarsi particolarmente vantaggioso per quei bambini le cui capacità esecutive non si sviluppano naturalmente, quali quelli con difficoltà di apprendimento, disturbi da deficit di attenzione o autismo. «Ci auguriamo che i nostri risultati possano essere utilizzati per costruire la funzione esecutiva in questi bambini, aiutando anche la comunità scientifica a comprendere meglio i deficit cognitivi associati a questi disturbi dello sviluppo», conclude.

Parole chiave

FORAGEKID, ludicizzazione, funzione esecutiva, attività di foraggiamento, abilità cognitiva, ricerca visiva, difficoltà di apprendimento

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione