Skip to main content
European Commission logo print header

Operationalising telecouplings for solving sustainability challenges related to land use

Article Category

Article available in the following languages:

Scorgere in lontananza le complesse sfide della sostenibilità

L’uso del suolo assume una posizione centrale tra le grandi sfide che l’umanità si trova ad affrontare oggi, poiché riguarda la sicurezza alimentare mondiale, la mitigazione dei cambiamenti climatici e la preservazione della biodiversità.

Cambiamento climatico e Ambiente icon Cambiamento climatico e Ambiente

L’individuazione di metodi per superare le minacce per l’uso sostenibile del suolo risulta difficile alla luce dei processi complessi che caratterizzano la globalizzazione, che mette in collegamento luoghi lontani. Il mondo sta diventando sempre più interconnesso, facendo sì che persone, idee e prodotti viaggino più rapidamente, più lontano e a un costo di gran lunga inferiore rispetto al passato. La globalizzazione ha velocizzato la crescita economica in numerose parti del mondo, tra cui l’Europa, trainando la prosperità e migliorando la qualità della vita delle persone. Tuttavia, questa ricchezza non è ripartita in modo uniforme e i flussi commerciali portano con sé un costo ambientale. I paesi del Sud del mondo tendono a produrre le materie prime per tali prodotti, sostenendo il costo ambientale in misura sproporzionata. Per contro, lo sfruttamento di questi stessi prodotti e servizi avviene principalmente nel Nord del mondo. Un esempio calzante è il disboscamento della foresta pluviale in Indonesia per fare spazio alle piantagioni di palme da cui ricavare olio.

Una sfida complessa

Grazie al sostegno del programma di azioni Marie Skłodowska-Curie, il progetto COUPLED, finanziato dall’UE, sta esaminano la modalità di trasferimento di beni di consumo a livello mondiale, nonché i loro fattori e, in definitiva, i luoghi in cui se ne percepiscono gli impatti. «Questo tipo di informazioni si dimostra essenziale per lo sviluppo di politiche incisive e sostenibili e la valutazione delle loro conseguenze concrete in seguito all’attuazione», afferma Kathrin Trommler, responsabile del progetto. Secondo Trommler, un concetto utile quando si tenta di risolvere la complessità dei sistemi è il teleaccoppiamento. Avvalendosi del concetto del teleaccoppiamento, l’UE può individuare gli ambiti in cui si verificano emissioni di carbonio e altri impatti ambientali. E, aspetto più importante, è in grado di misurare gli effetti sociali ed economici di tale flussi e come alterano il comportamento della folta schiera di attori coinvolta. «Il teleaccoppiamento illustra in modo sistematico i fattori che trainano i cambiamenti del sistema suolo e le loro conseguenze. Segue i flussi, le interazioni e i riscontri tra due o più luoghi, spesso separati da notevoli distanze, in cui le attività umane si ripercuotono sull’ambiente, talvolta fornendo risultati sorprendenti», spiega Trommler.

Individuare i collegamenti

I ricercatori hanno condotto numerosi casi di studio, analizzando inoltre come gli aiuti stranieri al Sud America abbiano influito sulla produzione di soia, sull’allevamento del bestiame e sulla deforestazione, e come le aziende produttrici di caffè possano promuovere l’uso sostenibile del suolo attraverso le loro filiere. Inoltre, è stata valutata l’«impronta» relativa all’impiego del suolo lasciata da sei diete seguite negli Stati Uniti. I partner del progetto hanno tracciato una mappa delle colture di mais e dei rispettivi cambiamenti nell’uso del suolo, così come degli impatti ambientali in Thailandia. L’obiettivo consisteva nell’approfondimento delle conoscenze in merito alla governance attuale e ai sistemi di produzione odierni e il loro rapporto con la produzione avicola europea. Inoltre, l’esaustivo lavoro sul campo svolto nel settore dell’estrazione dell’oro su piccola scala in Tanzania ha permesso di analizzare il teleaccoppiamento tra l’attività di estrazione e il cambiamento dei suoli in Africa. È finita inoltre sotto la lente l’iniziativa della nuova Via della seta cinese, mettendo in luce le sfide relative alla governance ambientale.

Soluzioni sostenibili

Il consorzio si sta inoltre occupando di formare la nuova generazione di figure professionali e imprenditoriali, sviluppando strumenti di analisi potenti e offrendo nuovi spunti. I risultati aiuteranno le organizzazioni pubbliche e private a capire dove e come intervenire per adottare decisioni sostenibili in merito all’uso del suolo, evitando così esiti indesiderati, come ad esempio la deforestazione e l’inquinamento. Pertanto, il progetto COUPLED fornirà una migliore comprensione dei processi e degli attori che condizionano l’uso del suolo in un modo sempre più interconnesso. «In particolare, COUPLED chiarirà dove e come si verificano cambiamenti sistematici nell’uso del suolo, in che modo questi si riverberano sulla società e sull’ambiente e come individuare strumenti di governance per indirizzare i sistemi di teleaccoppiamento verso i percorsi auspicati», conclude Trommler.

Parole chiave

COUPLED, uso del suolo, sostenibilità, globalizzazione, teleaccoppiamento, carbonio, flussi, impatti, ambiente

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione