Skip to main content

Policies for Research and Innovation in Small Member States to advance the European Research Area

Article Category

Article available in the folowing languages:

Sostegno alla ricerca nei paesi europei più piccoli

Potenziando gli scambi di ricerca tra i paesi più piccoli e quelli più grandi dell'UE, un'iniziativa imprenditoriale ha contribuito a spronare l'innovazione ed espandere lo Spazio europeo della ricerca (SER).

Salute

Mentre i paesi europei più grandi godono di formidabili capacità e opportunità di ricerca, le nazioni più piccole potrebbero trarre beneficio dal sostegno dell'UE per sviluppare il loro potenziale di ricerca. Il progetto ERA-PRISM ("Policies for research and innovation in small Member States to advance the European Research Area"), finanziato dall'UE, ha cercato di aiutare la ricerca nei paesi europei con una popolazione al di sotto dei 2,5 milioni. I paesi dell'UE coinvolti nell'iniziativa erano Estonia, Cipro, Lettonia, Lussemburgo, Malta e Slovenia, cui si è unita, da fuori l'UE, l'Islanda. Con lo scopo di rafforzare i ruoli delle nazioni più piccole nel SER, il progetto ha messo su la Rete ERA-PRISM per rafforzare lo scambio e il trasferimento di know-how con i paesi dell'UE più grandi. L'obiettivo principale del progetto era sviluppare e migliorare l'uso di indicatori di ricerca e innovazione (R&I) in modo da confrontare e potenziare le politiche rilevanti nei paesi target. Questo ha comportato la raccolta e l'elaborazione di dati di R&I, la supervisione di come i responsabili delle politiche usano questi dati e la conduzione di workshop di dialogo politico. Ha comportato inoltre la stima del numero di pubblicazioni e brevetti che emergono da ogni paese piccolo. Un altro importante compito è stato migliorare gli appalti pubblici per stimolare ricerca e sviluppo. Il progetto ha esaminato come i governi ottengono i beni e i servizi con il denaro dei contribuenti per potenziare l'innovazione e come questo si potrebbe ottenere nelle nazioni più piccole. Altrettanto importante era la spinta per raggiungere l'equilibrio tra i sistemi di finanziamento alla ricerca - un obiettivo che ha richiesto un'analisi comparativa dei quadri di finanziamento per R&I in paesi piccoli. Il team del progetto ha identificato lacune nei quadri di finanziamento e ha studiato la coordinazione politica congiunta con paesi più grandi per migliorare le attività di finanziamento. In generale, il progetto ha permesso ai paesi più piccoli di imparare da quelli più affermati nel campo di R&I. Questa mossa ha migliorato anche la cooperazione bilaterale e ha rafforzato i tradizionali legami di ricerca (per es. tra Cipro e Grecia, Lettonia e Lituania, Lussemburgo e Francia e Germania). ERA-PRISM ha delineato inoltre una serie di azioni cooperative e strategiche, compresi nuovi approcci alla delineazione e l'implementazione delle politiche, un'altra cosa che incoraggerà la R&I. Infine, il progetto ha divulgato i suoi risultati di ricerca attraverso incontri dinamici nei paesi partecipanti e attraverso presentazioni in conferenze e forum politici. in questo modo ha già cominciato a incoraggiare i governi di queste piccole nazioni a migliorare le loro capacità di ricerca e ha sostenuto il SER in nuovi modi stimolanti. La parte migliore di R&I da parte dei piccoli paesi europei deve ancora venire.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione