Skip to main content

Manufacturing and testing of an allogeneic gamma delta T cell therapy for the treatment of cancer

Article Category

Article available in the folowing languages:

Una nuova terapia immunocellulare universale per il cancro

I trattamenti oncologici tradizionali, tra cui la chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia, causano molti effetti collaterali e sono spesso poco efficaci. Verso una strategia antitumorale più robusta, il progetto OmnImmune ha sviluppato una terapia cellulare basata sulle cellule gamma delta T (GDT).

Salute

Molte terapie cellulari si basano su cellule autologhe isolate dal paziente, moltiplicate in laboratorio e poi infuse nuovamente nello stesso paziente. Nonostante i significativi risultati ottenuti con questo approccio, esistono problematiche importanti che impediscono l’attuazione universale di questa strategia.

Le cellule GDT: un’attraente popolazione di cellule effettrici anti-cancro

Come strategia di immunoterapia alternativa, il progetto OmnImmune, finanziato dall’UE, ha proposto di utilizzare cellule GDT allogeniche. «Le cellule GDT possiedono meccanismi endogeni che permettono loro di riconoscere le cellule sottoposte a stress o che hanno un metabolismo disregolato, dotandole di una capacità intrinseca di mirare alle cellule tumorali», ha spiegato il coordinatore del progetto e direttore della ricerca presso il TC Biopharm Owain Millington. Le cellule GDT rappresentano un’alternativa promettente in quanto sono naturalmente citotossiche e riconoscono molti tipi di cellule tumorali. Al riconoscimento del bersaglio attivano una risposta immunitaria più ampia e diventano cellule killer altamente efficienti. Poiché agiscono in un modo importante di istocompatibilità complessa e senza restrizioni, sono adatte per le terapie allogeniche. È importante sottolineare che possono essere ampliate in numero sufficiente in modo da facilitarne la somministrazione a molti pazienti, riducendo così il costo complessivo.

Mettere alla prova le celle GDT

TC BioPharm ha generato banche di cellule allogeniche GDT da donatori sani, le ha ampliate e attivate in gran numero prima di purificarle per l’infusione nei pazienti. I donatori sono stati selezionati in base a criteri studiati per garantire che le cellule siano potenti killer di cellule tumorali e possano essere un trattamento più efficace e coerente rispetto alle cellule del paziente. I risultati hanno dimostrato la capacità di queste cellule di distruggere le cellule tumorali della leucemia mieloide acuta (LMA) in una capacità allogenica e hanno esortato TC BioPharm a progredire rapidamente verso la valutazione clinica della terapia allogenica GDT. Uno studio clinico di fase I (NCT03790072) per il trattamento dei pazienti affetti da LMA è attualmente in corso presso l’Istituto di Ematologia e Trasfusione di sangue di Praga, in Repubblica Ceca, con ulteriori centri clinici che dovrebbero essere aperti nel Regno Unito nel 2020. Si tratta di uno studio di incremento della dose in pazienti con LMA recidivante o refrattaria che non sono idonei o non consenzienti a un trapianto di cellule staminali. Prospettive future «La sovvenzione OmnImmune ha permesso un cambiamento fondamentale nelle ambizioni e nella strategia commerciale di TC BioPharm, che ora si concentra esclusivamente su un canale dedicato ai prodotti allogenici», sottolinea Millington. I risultati e le infrastrutture sviluppati nell’ambito di questa sovvenzione sono stati fondamentali per il rapido progresso dei programmi preclinici dell’azienda. Allo stesso modo, la collaborazione diretta con centri clinici in Europa sulla valutazione dei prodotti medicinali per terapie avanzate ha permesso a TC BioPharm di offrire un protocollo sperimentale a pazienti con esigenze cliniche non soddisfatte. A seguito della conclusione positiva dello studio clinico GDT di Fase I, i partner di OmnImmune intendono avviare uno studio di Fase III per il trattamento della LMA. Questo determinerà la commercializzazione delle cellule allogeniche GDT come trattamento per la LMA, sia attraverso la crescita guidata dagli investimenti di TC BioPharm, sia attraverso uno dei partner commerciali dell’azienda. Non solo OmnImmune rappresenta un’importante pietra miliare commerciale per TC Biopharm, ma la disponibilità di banche di cellule allogeniche GDT di grado clinico apre la strada a una terapia antitumorale più efficace in termini di costi, disponibile per una più ampia popolazione di pazienti affetti da cancro. L’implementazione di questa medicina allogenica dovrebbe ridurre l’onere economico per i sistemi sanitari e migliorare la vita dei pazienti affetti da cancro.

Parole chiave

OmnImmune, cancro, cellule gamma delta T (GDT), allogenica, LMA, sperimentazione clinica

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione