European Commission logo
italiano italiano
CORDIS - Risultati della ricerca dell’UE
CORDIS

Certified smart and integrated living environments for ageing well

Article Category

Article available in the following languages:

Un sistema di certificazione promuove le abitazioni a misura di anziano

Un sistema di accreditamento che riconosce gli edifici adattati e attrezzati per l’invecchiamento attivo potrebbe contribuire a garantire che il parco immobiliare europeo sia adeguato alla nostra popolazione che invecchia.

Società icon Società

Gli ambienti domestici per tutte le età, in grado di tenere pienamente conto delle esigenze degli anziani, possono svolgere un ruolo chiave nel mantenimento dell’indipendenza e della salute a livello fisico e mentale durante la vecchiaia. «Gli ambienti abitativi dovrebbero rispettare le scelte, le esigenze e le preferenze delle persone in fatto di stile di vita, a prescindere dalla loro età», afferma Silvia Urra Uriarte, coordinatrice del progetto Homes4Life e ricercatrice presso il reparto di Tecnologie edilizie dell’azienda spagnola TECNALIA. «L’attuale parco immobiliare dell’Europa non è purtroppo adatto a questo scopo, il che può rendere difficile a chi lo desideri invecchiare bene nella propria casa.» Urra evidenzia il fatto che meno dell’1 % degli edifici in Spagna è completamente accessibile per chiunque. A livello europeo, circa l’8 % delle persone con più di 65 anni riferisce di non disporre di impianti di riscaldamento o raffreddamento che consentano di mantenere una temperatura confortevole a casa. «Tali ostacoli determinano l’impossibilità di godersi una buona qualità della vita nella propria abitazione con l’avanzare dell’età», aggiunge.

Vivere a casa in modo indipendente

L’obiettivo del progetto Homes4Life consisteva nel trovare nuovi modi di fornire ai cittadini europei opzioni migliori per vivere a casa in modo indipendente. Questo risultato è stato ottenuto propiziando una vasta gamma di opportunità digitali e individuando gli investimenti necessari ad aggiornare l’ambiente costruito europeo. Al centro della visione del progetto si è collocata l’istituzione di un sistema di accreditamento. «Per cominciare, il progetto ha esaminato diversi contesti abitativi a misura di anziano in tutta Europa e ha quindi identificato le iniziative innovative esistenti», spiega Urra. «Abbiamo inoltre concentrato l’attenzione sull’elaborazione di una definizione calzante del significato di casa a misura di anziano.» Il progetto ha successivamente analizzato i sistemi di certificazione ed etichettatura esistenti, nonché i progetti di ricerca e innovazione incentrati sui temi dell’attenzione per tutte le età, delle TIC e dell’edilizia. «Abbiamo cercato di concentrarci in un modo più pratico sugli aspetti che dovrebbero caratterizzare l’ambiente abitativo», osserva. «Uno dei successi fondamentali di questo progetto è stato rappresentato dalla riuscita integrazione di diversi profili ed esperienze all’interno del consorzio. Tra questi profili erano presenti anziani, assistenti, aziende private, centri di ricerca e università. L’attenzione per tutte le età è una questione di carattere intersettoriale e poter disporre della rappresentanza di numerosi settori di differente tipologia è stato davvero d’aiuto.»

Promuovere le abitazioni a misura di anziano

Da questo lavoro collaborativo ha avuto origine un documento chiamato Homes4Life 2040, che delinea una visione futura per il settore e fornisce linee guida e strumenti a sostegno delle politiche a misura di anziano, fra cui l’integrazione di soluzioni digitali e di edilizia adatta alle persone anziane, ove opportuno. Il documento prende inoltre in esame varie modalità di fare impresa nel settore dell’invecchiamento attivo. «La dimensione europea del progetto si è configurata come essenziale per garantire la possibile applicazione dei risultati a un’ampia gamma di contesti», aggiunge Urra. Oltre al documento sulla visione, il progetto è riuscito a elaborare il sistema di certificazione di Homes4life. Questa nuova iniziativa per incentivare le abitazioni a misura di anziano in tutta Europa si basa sulla visione a lungo termine del progetto in merito alle esigenze e alle necessità delle persone. Il sistema di certificazione è stato collaudato in 11 edifici pilota sparsi per l’Europa (Spagna, Francia, Irlanda, Italia, Paesi Bassi e Polonia) sia nella fase di progettazione che in quella operativa, ottenendo risultati soddisfacenti. «I passi successivi prevedono la continuazione delle attività di divulgazione e condivisione della visione di Homes4Life, nonché lo svolgimento di ulteriori ricerche nell’ambito dei temi trattati», afferma. «Vogliamo inoltre completare il sistema di certificazione allo scopo di immetterlo sul mercato.» L’obiettivo è che il sistema di certificazione prenda in considerazione le specificità di ciascun paese e risulti applicabile a edifici sia nuovi, sia già esistenti. In definitiva, l’istituzione di una certificazione a livello europeo per le abitazioni a misura di anziano potrebbe fornire un incentivo di cruciale importanza per realizzare un parco immobiliare più intelligente e attento a tutte le età.

Parole chiave

Homes4Life, invecchiamento, stile di vita, edificio, salute, digitale, edilizia, a misura di anziano

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione