Skip to main content

Folate-based nanobiodevices for integrated diagnosis/therapy targeting chronic inflammatory diseases

Article Category

Article available in the folowing languages:

Nanodispositivi a base di folati per l'artrite

Le malattie infiammatorie croniche come l'artrite reumatoide (AR) colpiscono oltre 80 milioni di persone in tutto il mondo. I farmaci antiartritici attualmente in uso hanno efficacia limitata e sono associati a costi elevati, reazioni allergiche ed effetti collaterali potenzialmente letali.

Salute

Si prevede una crescita del numero delle persone colpite da malattie infiammatorie. La somministrazione di farmaci quali il metotressato (MTX) per i pazienti con AR è stata associata ad aumentata letargia. Vi è quindi un'urgente necessità di dispositivi teragnostici innovativi per trattare efficacemente questo tipo di disturbi. Le cellule chiamate macrofagi attivati sono associate all'infiammazione cronica, e determinati folati sono indicatori, o marcatori di infiammazione. Per trattare l'infiammazione cronica il progetto NANOFOL , finanziato dall'UE, ha lavorato allo sviluppo di nanobiodispositivi a base di folati (FBN) a basso costo, con ridotti effetti collaterali e una buona stabilità. I membri di NANOFOL hanno costruito nanoveicoli utilizzando nanoparticelle con folati sulla loro superficie. I nanoveicoli trasportano anche farmaci antinfiammatori quali MTX o molecole di acido ribonucleico interferente breve (siRNA) e/o agenti di imaging. Studi in vitro e in vivo (su topi artritici) hanno confermato che i veicoli sono bioattivi, stabili, non citotossici e specifici per il recettore beta folati (FRß). I ricercatori hanno lavorato anche all'identificazione di altri marcatori sottoponendo a screening le proteine di membrana associate ai folati utilizzando immunoprecipitazione e spettrometria di massa. Diversi antigeni candidati potrebbero essere utilizzati nello sviluppo di FBN basati su anticorpi bispecifici. Parallelamente NANOFOL ha eseguito anche analisi socioeconomiche, del ciclo di vita e di nano-sicurezza per garantire che lo sfruttamento commerciale finale di questa tecnologia sia sicuro e conveniente. I risultati del progetto sono stati divulgati in conferenze/congressi oltre che su riviste sottoposte a valutazione inter pares. In generale gli FBN liposomiali che trasportano MTX si sono dimostrati nettamente superiori al solo MTX in termini di auspicata biodisponibilità, minori effetti secondari, specificità ed efficacia terapeutica. Oltre che per l'AR gli FBN potrebbero essere utilizzati nel trattamento di altre condizioni quali il cancro, poiché anche le cellule cancerose esprimono alti livelli di recettori di folati sulla loro superficie. Si stima che il solo mercato del cancro valga miliardi di dollari; ciò suggerisce l'elevata realizzabilità commerciale degli FBN. Tale tecnologia potrebbe migliorare gli outcome dei pazienti riducendo significativamente la loro ospedalizzazione e le spese sanitarie. La commercializzazione o il trasferimento di tecnologia migliorerà anche la visibilità e la competitività dei partner commerciali di NANOFOL e dell'industria sanitaria europea.

Parole chiave

Infiammatorio, artrite reumatoide, metotressato, a base di folati, nanobiodispositivo, incapsulato, liposomiale, farmaci, non citotossico, anticorpo, biodisponibilità

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione