Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Test allergologici più efficaci grazie all’automazione e a un campionario mondiale degli allergeni

Dato che i sintomi dell’allergia vanno dall’idrorrea nasale allo shock anafilattico letale, la precisione delle diagnosi è essenziale sia per i pazienti che per i medici.

Salute

Secondo la World Allergy Organization le allergie e l’asma colpiscono quasi un quarto della popolazione, il che giustifica che l’allergia sia stata dichiarata uno dei gravi problemi di salute del XXI secolo. È importante notare che, sulla base delle previsioni di numerosi scienziati, la nostra osservanza senza precedenti di norme igieniche imposte a livello globale dalla COVID-19 potrebbe aggravare la crisi dovuta a questa condizione.

Una scossa nel mondo delle diagnosi allergologiche

I ricercatori attivi nell’ambito del progetto AllergyExplorer, finanziato dall’UE, hanno affrontato la questione dell’allergia non solo al fine di ridurre al minimo i rischi per la salute, ma anche allo scopo di diminuire i costi associati alle diagnosi errate. Diagnosi carenti e conseguenti trattamenti inadeguati determinano 140 miliardi di EUR di spese non necessarie per gli Stati membri dell’Europa. Ad oggi, i medici sono stati obbligati a selezionare solamente alcuni degli allergeni più probabili da testare, rendendo le diagnosi errate una possibilità. Il sistema di AllergyExplorer combina un’impressionante gamma di 300 allergeni rilevanti a livello globale, dai frutti di mare agli acari della polvere, con un’ampia selezione di sostanze che provocano comunemente allergie, come il polline. Il semplice esame del sangue si basa sul rilevamento degli anticorpi, le immunoglobuline E (IgE). La correlazione tra le allergie e gli anticorpi IgE è infatti molto forte. Il nuovo sistema «è un pannello di allergeni globale e completo che ci consente di avere un quadro delle allergie a livello mondiale. A differenza di molti concorrenti, non offriamo pannelli di allergeni specifici a livello locale, il che rende il nostro prodotto unico», afferma Christian Harwanegg, il coordinatore del progetto. In seguito alla diagnosi degli allergeni a cui il paziente è sensibile si presentano diverse opzioni, quali evitare tali allergeni o assumere farmaci, antistaminici, ecc. Grazie ad AllergyExplorer si aggiunge un’ulteriore possibilità concreta, ovvero la desensibilizzazione attraverso l’immunoterapia e la costante esposizione a piccole quantità degli allergeni responsabili del disturbo. Alla fine, questa soluzione può portare a una riduzione dell’allergia e a un suo conseguente trattamento con farmaci a basso impatto.

Seguire e anticipare l’evoluzione

Il team sta acquisendo ulteriori informazioni nel corso del processo, aggiungendo nuovi allergeni al pannello in base alle necessità. È stata ad esempio inserita la formica rossa, che è in grado di provocare lo shock anafilattico in una percentuale ridotta di casi ed è comune in America del Sud.Un’ulteriore aggiunta recente è stata quella degli insetti commestibili, sempre più utilizzati come alimenti ad alto contenuto proteico. Nel nostro mutevole mondo, AllergyExplorer sta inoltre prendendo atto dell’incremento negli allergeni invasivi causato dal riscaldamento globale. A causa della penuria di nemici naturali, ad esempio, le specie appena introdotte possono diventare un problema.

L’aspetto formativo del pacchetto

«Per assistere i medici, abbiamo sviluppato uno strumento di interpretazione e supporto alle decisioni», osserva Harwanegg. Il risultato è un servizio di formazione di massa per gli allergologi di tutto il mondo, in particolare quelli in grado di trattare risultati molecolari complessi. La formazione, con la sua funzione di ridurre le insicurezze dei medici in merito all’utilizzo di tali strumenti, è di importanza fondamentale. Integrando lo strumento di interpretazione e supporto alle decisioni nel pacchetto software e avendo a disposizione un portale di medici online, gli allergologi continuano ad apprendere con ciascun nuovo paziente.

Vantaggi a tutto campo per chi è affetto da allergie

I costi per i pazienti vengono ridotti su due livelli, diminuendo i costi di fabbricazione grazie all’automazione dal punto di vista del consumatore e nel corso dei processi di produzione. Il costo per paziente nel Regno Unito va da zero a diverse centinaia di sterline, a seconda della copertura assicurativa. L’obiettivo è quello di far includere il prima possibile il test all’interno dei sistemi di assicurazione e dei meccanismi di rimborso pubblici. Ricapitolando ciò che AllergyExplorer significa per chi è affetto da allergie, Harwanegg conclude: «Stiamo rendendo possibile una medicina su misura per il paziente nel campo della diagnostica allergologica. Il progetto ha sviluppato uno strumento democratico per consentire sia ai medici sia ai pazienti di ottenere i migliori risultati dai test. Vogliamo che i pazienti vengano diagnosticati correttamente in ogni occasione».

Parole chiave

AllergyExplorer, allergia, allergene, diagnosi, supporto alle decisioni

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione